Cultura

Heracleion, l’ “Atlantide del Mediterraneo”

Heracleion è una città sommersa di fronte le coste egiziane, si pensa che affondò alla fine del IX secolo per cause ancora sconosciute, innalzamento dei mari, erosione della roccia oppure altri eventi catastrofici.

E’ avvolta nel mistero come moltissime altre città scomparse che abbiamo nel mondo ed è stata molto spesso chiamata “l’Atlantide del Mediterraneo”.

Venne scoperta nel 2000, quando una spedizione di archeologi, capitanata dal francese Frank Goddio, riportò in superficie numerosi reperti come, monete d’oro, imponenti strutture, reliquie religiose e pesi di piombo.

Sepolta dal fango per più di 1200 anni, 30 metri sotto la costa egiziana, davvero spettacolare, come lo sono tutte le cose riportate in superficie.

Una cosa certa è che fosse usata come porto e sembra fosse anche molto importante. Stupefacenti sono stati i numerosi reperti religiosi riportati a galla, i quali mostrano una grande cultura di fede che vigeva all’epoca in quei luoghi.

Barry Cunliffe, un professore di Oxford che ha partecipato agli scavi, ha detto “”È una scoperta archeologica travolgente. Reperti distesi sul fondo del mare, ricoperti e protetti dalla sabbia, sono stati stupendamente conservati per secoli”.

sotto galleria fotografica

{gallery}heracleion{/gallery}

fonte cmi.it

Tags
Back to top button
Close