Cultura

Governo der cambiamento

Governo der cambiamento

Se dice a Roma: semo ripuliti;
se dice quanno tutto è annato storto;
quanno t’hanno lassato l’infraditi
e se fregonno* casa, er pozzo e l’orto;

quanno, ‘nzomma, proprio veramente
t’hanno lassato praticamente gnente.

Stavorta se levamo st’arta spina,
rifamo tutto come fosse novo:
Se famo arrosto pure la gallina
E se magnamo, pe’ finire, l’ovo.

So’ grandi investimenti, tale e quale
A ‘n incidente de tipo stradale.

Magari la gallina la magnamo
Poco alla vorta, giusto quarche pezzo;
pe’ nun finisse er pollo ritardamo;
e l’ovo? Ne servimo solo mezzo.

So trucchi antichi, raffinati assai,
sistemi vecchi pe’ nun fare guai.

Tanto, come fai fai, nun c’è rispetto
pe’ er popolo sovrano che s’avanza;
Te vonno** fa la fame pe’ dispetto,
te dicheno che penzi co’ la panza.

Se semo rotti che pe’ fa’ la cuoca
Dovemo de chiama’ sempre l’Europa.

* fregonno -fregarono
** vonno -vogliono

©FrancescoD’Agostino©DirittiRiservati©

Tags
Close