Cultura

Er Peccatore ar Poeta

Er Peccatore ar Poeta

A Capò, io me credevo
De sentì n’sonetto vero;
come quelli che fai tu…
… all’orecchio avvellutato,
no n’sonetto sconsolato.
Dove tu t’addomannavi,
se la Vergine Maria
Sia così e così sia.

Quanno me parli de Maria,
io non so poi che me pija..
E’ na Donna assai speciale.
Tanto vera e tanto uguale
A quer po’ ch’ariconosco
Nello specchio la mattina…
Drento all’occhi c’ha rivedo
Na scintilla pura divina.

©GuglielminaAgnoli©DirittiRiservati©

 

Tags
Back to top button
Close