Cultura

Eppure me ricordo…

Sonetto romano

Eppure me ricordo…
Sonetto romano

Eppure me ricordo na giornata !
Ammazzala si quanto è stata bella,
si te dovessi di’, quanno c’è stata,
magari sbajo giorno, ma era quella !

I fiori coloravano ogni cosa
tra li cespugli grappoli de more,
ne l’aria tutti petali de rosa
che tutto profumavano d’amore.

Ma che giornata, ch’è stata quer giorno
se ce ripenzo, nun me fó capace,
de quelle senza annata, ne ritorno
ma solo drento ar core tanta pace.

E poi, quer sogno attinto ar desiderio
che all’ improvviso me s’era avverato.
Chissà se poi sto giorno, è stato vero !?
Capace pure che, nun c’è mai stato.

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Back to top button