Cultura

A l’ amico deluso

Sonetto romano

A l’ amico deluso.

Sonetto romano

Me so bastate solo du parole
buttate lli’ cosi’, drento a ‘n messaggio,
pe capillo che te, ce stavi male
che c’avevi bisogno de ‘n abbraccio.

Oddio ! Pur’io, nun stavo certo mejo !
Cio sapessi quanti impicci pe la testa,
ma pe ‘n amico vero, io me squajo
so uscito cor vestito de la festa.

Cosi’ che me so armato de ‘n soriso
de quelli pe i consiji de l’acquisti,
pe potettelo spara’ ‘n faccia ar viso
appena er tempo d’essece rivisti.

Co la speranza ‘n core so partito
come ‘n pirata pronto a l’arembaggio,
te so venuto incontro piu’ agguerito.

Ma te sei accorto che io stavo peggio,
e’ l’ occhio che purtroppo m’ ha tradito,
ma ‘n due, se semo fatti più coraggio.

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati© 

Guarda anche
Close
Back to top button