Cultura

Er Volo…

Sonetto Romano

Er Volo…

Sonetto Romano

E cor penziero a vorte prenno er volo
me faccio trasporta’ da la corente,
a vortegga’ da l’uno a l’artro polo
lontano da lì sguardi de la gente.

Poi viaggio ne lo spazzio siderale
sfidanno a uno a uno l’ elementi,
e nun ce sta ‘n ucello che co l’ale
sa come me, sfrutta’ mejo li venti.

E provo quello che ‘n ho mai provato,
margrado tante vorte co la mente,
guardanno ‘n arto er celo l’ho sognato
da galleggia’ cosi’, tra ‘n mezzo ar gnente.

Senza più er peso che me porto addosso
de sta terrenita’ che giu’ me inghiotte,
come se me vo spigne drento a ‘ n fosso.

Lèggero e fluttuante come ‘n velo
e quanno er giorno se tigne de notte,
passa’ come na scia, segnanno er celo.

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

 

Guarda anche
Close
Back to top button