Cronaca

Scoperta dalla Polizia una casa di appuntamento cinese grazie a una segnalazione su facebook

Volante PoliziaRoma, 15 ottobre – A luglio, tramite facebook, una signora segnalava alla Polizia un viavai di uomini all’interno di un condominio di Via Tuscolana.

Il dirigente del Commissariato Tuscolano, dal dr. Domenico Sannino, appresa la notizia, disponeva un servizio di appostamento per verificare la segnalazione.

Gli agenti della squadra anticrimine del Commissariato, accertavano così che effettivamente quanto segnalato rispondeva al vero e che, su diversi giornali, vi erano inserzioni  relative ad alcune donne di nazionalità cinese che attiravano i clienti, fornendo un’utenza telefonica da contattare.

L’utenza risultava intestata ad un cinese mentre l’abitazione, di proprietà di un italiano, era regolarmente data in affitto ad una 28enne cinese che però la cedeva a diverse connazionali le quali la usavano per prostituirsi.

Quando gli agenti hanno fatto irruzione nell’appartamento, hanno trovato una cittadina cinese priva di documenti di identità e del permesso di soggiorno.

Le indagini hanno consentito di scoprire una vera e propria organizzazione dedita all’attività di prostituzione. I clienti telefonavano all’utenza pubblicizzata per fissare l’appuntamento e la donna che rispondeva, si mostrava disponibile all’incontro fornendo l’indirizzo dell’appartamento. Terminata la telefonata, la “centralinista” non faceva altro che avvisare la donna di turno che si recava all’abitazione ed attendeva l’arrivo del “cliente”.

L’intestataria del contratto di affitto, è stata così denunciata per “favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e della prostituzione”.

Tags
Close