Cronaca

Omicidio di Garlasco: Ancora nuovi sviluppi – agli atti c’erano foto dei Carabinieri del braccio di Alberto Stasi

Di chi sarà il cromosoma maschile rinvenuto nelle unghie di Chiara Poggi?

Milano, 7 settembre – Con il processo d’appello bis relativo all’omicidio di Chiara Poggi, vengono riesaminati elementi che in precedenza non erano stati tenuti in considerazione.

Così, dopo i nuovi esami disposti dal sostituto procuratore generale di Milano Laura Barbaini e che hanno portato al rinvenimento di tracce del cromosoma maschile su due margini delle unghie di Chiara Poggi, emerge che un sottufficiale dei Carabinieri, presente in Caserma quando Alberto Stasi andò in Caserma in relazione al ritrovamento del cadavere di Chiara Poggi,  gli fece alcune  foto. In particolare, sull’avambraccio del giovane, vi erano due segni simili a leggeri graffi che avevano fatto dedurre conseguenza di una colluttazione.

Tali foto, vennero allegate all’informativa dell’Arma ma non sarebbero mai state oggetto di approfondimento nè dalla Procura di Vigevano nè poi nella fase processuale. I Carabinieri, nel processo di appello bis, le avrebbero ritrasmesse al P.G. Barbaini, che le ha confrontate con quelle esistenti agli atti constatandone l’autenticità, sentendo a verbale il Brigadiere che le aveva scattate e che per primo aveva parlato con Stasi dopo il ritrovamento del corpo di Chiara.

Secondo indiscrezioni, come riportato da Francesca Brunati su Ansa, la nuova perizia sul tragitto percorso da Alberto Stasi in casa Poggi quando scoprì il cadavere, sarebbe in linea con la tesi dell’accusa e ella parte civile, in quanto sarebbe impossibile che le suole delle scarpe calzate da  Alberto entrando in casa e consegnate ai Carabinieri siano prive di qualsiasi traccia ematica e pertanto in senso opposto a quello stabilito dagli esperti nominati dal Gup di Vigevano Stefano Vitelli, che  dichiarò Alberto Stasi innocente.

Ora si attende l’esito della perizia sui cromosoma Y trovati su Chiara Poggi.

Back to top button