Cronaca

Sequestrati a coniugi marocchini beni per 22,2 milioni di euro. Condannati per frode fiscale

gdf ferraraFerrara, 6 marzo 2017 – A conclusione delle indagini svolte dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Ferrara, ha consentito al Procuratore della Repubblica di Ferrara a richiedere ed ottenere dal Tribunale di Ferrara, l’emissione del provvedimento di sequestro e confisca di beni a carico di una coppia di imprenditori marocchini di  un vasto complesso di beni ammontanti a 22,2 milioni di euro. I due, erano stati condannati per “frode fiscale”
Fra i beni, oltre a quote di società e al complesso di cespiti ad esse riferibili (crediti, beni immobili, autoveicoli), vi sono cospicui compendi immobiliari, fra cui un complesso residenziale costituito da 20 appartamenti in provincia di Forlì del valore di 3 milioni di €, una villa con piscina a Ferrara, villette a schiera e appartamenti situati in varie località del ferrarese, e nelle province di Roma, Rovigo e Modena.
L’indagine ha permesso alle Fiamme Gialle ferraresi di ricostruire tutte le ricchezze illecitamente accumulate dai coniugi marocchini i quali, attraverso una fitta rete di società create ad hoc e amministratori compiacenti hanno accumulato nel tempo il patrimonio sequestrato a fini di confisca. Le attività illecite per cui i due imprenditori sono stati condannati per frode fiscale sono connesse alla gestione di alcuni consorzi – due dei quali con sede in Ferrara e attivi negli appalti nel settore del facchinaggio, della logistica e delle pulizie industriali – intorno ai quali ruotavano una trentina di società cooperative, gran parte delle quali con sede dichiarata nella provincia di Trapani, risultate prive di qualsiasi organizzazione d’impresa e affidate a meri prestanome. Di fatto, a capo di tutto, vi erano i due cittadini extracomunitari; quest’ultimi, per i servizi resi, utilizzavano il personale alle dipendenze (meramente formali) delle cooperative associate.
Il meccanismo di frode era strutturato attraverso consorzi che fatturavano direttamente alla società committenti i servizi e neutralizzavano l’I.V.A. a credito grazie alla fatturazione passiva delle cooperative associate e la galassia delle società cooperative che non eseguivano alcun adempimento fiscale a fronte della fatturazione attiva nei confronti dei consorzi, non versando imposte e contributi.
Con tale meccanismo le cooperative venivano utilizzate da schermo al solo scopo di far ricadere su di esse il debito IVA, di fatto maturato sui consorzi, generando ingenti profitti destinati ai prevenuti.
La provenienza illecita del denaro utilizzato per acquisire il consistente patrimonio e la notevole e ingiustificata sperequazione fra beni posseduti ed il reddito dichiarato delle persone indagate, sono le ragioni che hanno permesso al Tribunale di Ferrara di emanare la misura di prevenzione patrimoniale, che trae i suoi fondamenti dalla legislazione antimafia (Decreto Legislativo n. 159 del 6 settembre 2011). Con tale norma il legislatore ha voluto colpire le persone (non solo mafiose) ma anche quelle “socialmente pericolose” che sulla base di elementi di fatto, siano abitualmente dedite a traffici delittuosi e dispongano direttamente o indirettamente di beni, il cui valore risulti sproporzionato al reddito dichiarato o all’attività economica svolta ovvero quando, sulla base di sufficienti indizi, si ha motivo di ritenere che gli stessi siano il frutto di attività illecite o ne costituiscano il reimpiego.
Back to top button