Roma

Si calano dal terrazzo ed arrestano 5 trafficanti di droga, compresa la vedetta

cc montesacro droga pieveboviglianaRoma, 29 aprile 2017 – La banda di trafficanti che operava nel quartiere  di San Basilio,  aveva predisposto tutto per poter confezionare la droga e spacciare indisturbati, compresa la vedetta. L’uomo, era appostato e pronto a lanciare l’allarme ai complici all’arrivo di persone sospette.

Ma, proprio la sua costante presenza in via Pievebovigliana, non è passata inosservata agli uomini del Nucleo Operativo della Compagnia di Montesacro comandata dal  Tenente Marco Zavattaro, forti della conoscenza decennale del territorio e dei suoi abitanti.

Mantenendo sotto osservazione “l’osservatore”, i Carabinieri hanno studiato le sue abitudini e quelle dei suoi complici,  compreso il mezzo che, probabilmente,  usavano  per spacciare, preparando a loro volta un piano per intervenire con certezza di risultato.

Ieri, alcuni atletici militari, improvvisatisi rocciatori, si sono calati dal terrazzo del condominio adiacente, riuscendo così  a sorprendere alle spalle la “vedetta”, immobilizzandola ed impedendogli di lanciare l’allarme.

L’immediata irruzione nell’individuato appartamento, permetteva di sorprendere “al tavolo di  lavoro”, quattro trafficanti intenti a tagliare e confezionare la droga.

cc montesacro cruscotto pieveboviglianaBloccatili prima di consentire loro qualsiasi reazione, i Carabinieri effettuavano un’accurata perquisizione ai locali che portava al rinvenimento e sequestro di 1,6 kg di cocaina, 2 kg di hashish e 1,4 kg di marijuana, una pressa idraulica per la confezione sottovuoto della droga e materiale per il taglio. L’ispezione all’autovettura in uso ai trafficanti di stupefacenti, portava alla scoperta di un vano ricavato nel cruscotto, al posto del dispositivo airbag lato passeggero, nel quale veniva celata la droga durante il trasporto per le consegne.

I cinque, tre romani e due di origine calabrese e di età compresa tra i 21 e 60 anni, venivano arrestati e ristretti a Regina Coeli a disposizione della Magistratura, dovendo rispondere di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”

Back to top button