Roma

Sono 48 le persone arrestate nella Capitale in tre giorni da Carabinieri e Polizia di Stato

autoradio cc ps 2016La vera sicurezza, la fanno loro

Roma, 4 gennaio – Sono ben 48 le persone arrestate dagli Agenti della Polizia di Stato della Questura di Roma, diretta dal  Questore Niccolò D’Angelo  (21)  e dai  Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, comandati dal Generale Salvatore Luongo   (27) nei primi quattro giorni dell’anno.

I militari dell’Arma della Stazione Nomentana, sulla metro, hanno arrestato un 39enne romeno mentre stava sfilando una macchina fotografica dallo zaino di un turista.

Un 29enne romeno, è stato invece arrestato dai Carabinieri della Stazione Viale Eritrea mentre, alla stazione Tiburtina, mentre stava sfilando il portafogli dalla borsa di una 21enne romana.

In via del Corso, i Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo in Lucina hanno arrestato un cittadino libico di 30 anni,che aveva appena sfilato lo smartphone dalla tasca di un turista.

Alla fermata metropolitana ‘Ponte Lungo’ della lnea ‘A’, sono stati i Carabinieri della Stazione San Giovanni  ad arrestare tre romeni  due uomini ed una donna  rispettivamente di 26, 27 e 22 anni che avevano tentato di rubare la borsa ad una 83enne romana.

In viale Trastevere, a bordo del tram 8, i Carabinieri del Nucleo Operativo delle Compagnia Roma Trastevere hanno invece arrestato una cittadina bosniaca di 41 anni ed un cittadino romeno di 35 anni, sorpresi dopo aver rubato il marsupio ad un turista giapponese.

Alla fermata metro “Repubblica”,  i Carabinieri della Stazione Roma Vittorio Veneto hanno arrestato una 22enne, cittadina bosniaca, che ha sfilato il portafogli ad un altro cittadino giapponese.

In via della Bella Villa, invece, V.G. 22enne albanese, P.M. 35enne montenegrino e D.S.E. 37enne italiano, dopo aver frequentato e studiato un bar, ne hanno organizzato il furto ma sono stati sorpresi dagli Agenti del  del Reparto Volanti, diretto dal dott. Giuseppe Amoruso, ed arrestati

I Carabinieri della Compagnia piazza Dante  al Pigneto, in via Perugia hanno arrestato un 21enne cittadino della Guinea, in possesso di 21 g di hashish.

Subito dopo, in via del Pigneto, hanno arrestato un cittadino del Gambia di 19 anni, con precedenti, sorpreso in possesso di 22 g di hashish.

Gli agenti del Commissariato San Paolo, recatisi presso un albergo della zona per una notifica,  hanno sentito un forte odore di marijuana provenire da una delle stanze della struttura alberghiera, abitata da un 22enne italiano. Il giovane, alla vista dei poliziotti, ha cercato di allontanarsi è stato subito bloccato. La perquisizione ha consentito il sequestro di 78 bustine preconfezionate di anfetamine e marijuana per un peso rispettivamente di 23 e 16 grammi. Arrestato

In via Tor dè Schiavi, angolo via delle Palme, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina hanno arrestato un romano di 56 anni, con precedenti, che armato di un martello, si è introdotto nel cortile di un palazzo ed ha aggredito un condomino che gli aveva chiesto conto della sua presenza lì, procurandogli lesioni guaribili in 7 gg.

Su via Borghesiana una Renault Clio, con a bordo due persone, alla vista di una pattuglia del Reparto Volanti si è data alla fuga, inseguita dall’autoradio finchè, con un testacoda, si è ritrovata frontale con l’autoradio che ha urtato violentemente. I due, albanesi di 23 e 30 anni, si sono dati alla fuga ma, con l’ausilio di altre volanti, sono stati bloccati e arrestati per ‘resistenza e lesioni a pubblico ufficiale nonchè di danneggiamento aggravato’. Gli Agenti, recatisi all’abitazione dei due, giunti all’ingresso dello stabile, notavano due persone aprire la finestra del piano terra e scappare per i prati. Dopo un lungo inseguimento, gli Agenti li hanno raggiunti e bloccati, identificandoli per un romeno 32enne, con pendente un ripristino della misura cautelare in carcere ed un albanese di 38 anni,, colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Roma per reati concernenti gli stupefacenti.  Nel corso della perquisizione venivano rinvenuti 100 grammi di hashis e 15 grammi di marijuana.

Sempre nella borgata Borghesiana, in via Borutta,  un’altro inseguimento. A fuggire un’utilitaria con due persone a bordo. Inseguiti dagli uomini del Reparto Volanti, hanno persorso strade contromano a tuta velocità finchè, perso il controllo dell’autovettura, sono finiti contro un palo della segnaletica stradale. I due si sono dati alla fuga. Uno, 30enne romano,  è stato raggiunto ed arrestato mentre l’altro si è dileguato.

A finire nella rete dei Carabinieri di San Lorenzo in Lucina due truffatori, un cittadino romeno di 50 anni ed uno egiziano di 61, i quali, facendo uso di carte di credito false, avevano acquistato champagne, vini pregiati e profumi per circa 10mila euro. La perquisizione domiciliare portava al seq2uestro di altra merce e di un’altra carta di credito falsificata.

Alla manifestazione ‘Amore Festival 2016’  presso la Fiera di Roma, gli uomini dei commissariati “San Paolo”, “Colombo” e “Fiumicino”, impiegati nei servizi di sicurezza, hanno arrestato due romani S.G. di 21 anni e C.A. di 29 anni, per i reati di detenzione di sostanza stupefacente e lesione, in quanto responsabili di “smercio” all’interno del quartiere fieristico e di aver procurato delle lesioni gli agenti intervenuti. Altri sette sono stati denunciati in stato di libertà, sempre perché trovate in possesso di sostanze stupefacenti di vario genere

A Piazza di Spagna, i Carabinieri della Stazione Roma Quirinale hanno sorpreso ed arrestato per furto aggravato un cittadino egiziano di 58 anni che armato di un bastone telescopico, munito all’estremità di una calamita, rubava monetine dalla fontana della “Barcaccia” in piazza di Spagna.

È stato invece arrestato per rapina un 35enne romeno che, armato di coltello, alla fermata della metro  ‘Circo Massimo’ ha tentato di rapinare alcuni giovani. Alle loro urla, è intervenuto personale del Commissariato Trastevere che ha bloccato l’uomo, arrestandolo.       
In via Yale, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Frascati sono intervenuti all’interno di un’area di pertinenza della facoltà di Scienze dell’Università di Tor Vergata, a seguito di numerose segnalazioni di cittadini che indicavano una colonna di fumo nero, ben visibile anche dal Grande Raccordo Anulare, bloccando un cittadino romeno di 33 anni che stava incendiando i rifiuti. Dagli accertamenti, è emerso che  l’uomo 33enne era ricercato per  un ordine di esecuzione pena, emesso dal Tribunale di Roma lo scorso mese di Luglio, poiché responsabile di violenza, resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale, fatti risalenti al 2009.

Gli Agenti del Commissariato Casilino hanno arrestato per ‘tentato omicidio,  lesioni e omissione di soccorso’ un 36enne romano pluripregiudicato che, dopo aver picchiato in auto la compagna, era sceso dall’auto. La donna, con la bambina, scendeva ma il pregiudicato l’inseguiva. Interveniva un passante per difenderla e il malvivente, salito in macchina, si dirigeva volontariamente contro di lui, sbalzandolo in aria. Allertati, gli Agenti riuscivano a bloccare il pregiudicato. Il ferito ne avrà per 25 giorni s.c..

Cosa c’è di più invitante di rubare nella notte di capodanno, con i ‘botti’ che coprono i rumori di scasso? Ma non hanno pensato potesse scattare l’antifurto, così i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato due ladri serbi, di 18 e 20 anni, che stavano rubando nella villa all’Aventino  del regista premio Oscar Giuseppe Tornatore.

E il Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio ha avuto il suo bel da fare.

Alla  stazione Termini, un magrebino ha distratto un turista mentre due complici gli asportavano il bagaglio ma gli agenti li hanno bloccati ed arrestati tutti e tre.

Sempre 2 magrebini, con il trucco del tubetto di crema, hanno sporcato il vestito ad un turista e con la scusa di aiutarlo lo stavano ripulendo, si, ma del contenuto del suo zaino. Arrestati ambedue. 

Nel bar della stazione, un algerino ha rubato un IPhone ma la proprietaria ha urlato ed il personaqle della Ferroviaria lo ha bloccato ed arrestato.

È stata poi la volta di un cittadino del Mali che, brandendo un coltello ed un martello, ha seminato il panico su un autobus, entrando poi in stazione dove però è stato disarmato ed arrestato dagli Agenti della Polfer, coadiuvati da guardie giurate ed altri colleghi intervenuti

Senza sosta l’attività antiborseggio dei Carabinieri.

I Carabinieri della Stazione Roma via Vittorio Veneto hanno arrestato 3 giovani cittadine bosniache di 15, 16 e 19 anni, tutte provenienti dal campo nomadi di Castel Romano, sorprese al ‘lavoro’ in via dei Fori Imperiali.

I Carabinieri della Stazione Roma Quirinale, invece, sull’autobus linea ’64’,  hanno arrestato una cittadina polacca di 50 anni, che aveva “alleggerito” un turista.

Due cittadini algerini di 31 e 37 anni, sono stati bloccati dai Carabinieri della Stazione Roma piazza Farnese in via del Tritone  che avevano derubato, in un fast food, 1450 euro, una telecamera  e un tablet due turiste iraniane.

Fermata anche una ragazzina di soli 10 anni che, a dispetto della giovane età, risulta essere una esperta borseggiatrice considerati i precedenti specifici a suo carico. Si tratta di una senza fissa dimora di origini slave che è stata sorpresa in flagranza di reato dai Carabinieri della Stazione Roma Quirinale all’interno della fermata della metropolitana “Barberini”.La piccola ladra aveva appena sfilato dalle tasche di un turista italiano un telefono cellulare. Inoltre, durante la perquisizione, è stata sorpresa in possesso di un portafogli contenente 70 euro di probabile provenienza illecita.

In viale Palmiro Togliatti, angolo via Prenestina, I Carabinieri della Stazione Roma Tor Tre Teste hanno arrestato un romano di 26 anni, con precedenti, che in pieno giorno, ha aggredito, ferendolo alla testa  con un coltello,  un transessuale brasiliano di 29 anni per derubarlo del cellulare.

Il Tribunale lo aveva fatto uscire dal carcere dove scontava una grave condanna con una “licenza premio natalizia” ma lui, S.C. un 40enne romano, ha pensato bene che il tipo di “premio” lo decideva lui, così, quando gli Agenti del Commissariato Casilino  sono andati per fargli una perquisizione domiciliare con unità cinofile antidroga, hanno scoperto cosa il pregiudicato intendeva per “premio”. I Poliziotti hanno infatti rinvenuto un partita di cocaina con principio attivo superiore al 98%, praticamente pura e difficile da reperire sul mercato in tale concentrazione.  L’uomo è tornato in carcere, in attesa di un prossimo “premio”, magari … “pasquale”!

Aveva stabilito invece che il cortile condominiale fosse di sua proprietà un 35enne che in via dell’Archeologia, a Tor Bella Monaca, spacciava nel cortile condominiale, con segnandola attraverso una fessura praticata al muro di cinta adiacente al cortone d’ingresso del condominio. Ma ad interrompere la sua attività criminale, i Carabinieri della Compagnia di Frascati che, nel corso della perquisizione, hanno rinvenuto numerose dosi di cocaina.

I Carabinieri della Stazione Roma Cecchignola hanno arrestato un cittadino croato di 44 anni, mentre stava tentando di introdursi in un appartamento in via Ragazzi del 99.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Ostia hanno invece arrestato C.E., catanese di  49 anni ma residente in Roma, con l’accusa di tentata estorsione e lesioni personali. L’uomo, dopo aver rubato il giubbotto ad un 51enne napoletano, gli avanzava una richiesta di denaro per restituirglielo. Visto vano ogni tentativo, il siciliano è andato dal derubato picchiandolo e minacciandolo con un coltello. Alla scena ha assistito un condomino che però è stato a sua volta minacciato. Sotto la minaccia del coltello, il malcapitato è andato con lui al bancomat e gli consegnava la somma. Nel frattempo, transitava l’autoradio dei Carabinieri di Ostia e la vittima, facendosi coraggio, chiedeva aiuto. I Carabinieri disarmavano l’uomo arrestandolo. Convalidato l’arresto, il pluripregiudicato è stato rimesso in libertà…

Tags
Back to top button
Close