Roma

Vacanze in Italia pericolose. Tre egiziani arrestati per una duplice rapina a turisti. Mossa di arti marziali e arancia in bocca per non farlo urlare

carabinieri polsi manetteRoma, 31 ottobre 2016 – Erano quasi le tre e stava tranquillamente rientrando in albergo in via Vicenza un giovane turista  britannico quando è stato raggiunto da  un balordo lo ha raggiunto e, con uno sgambetto accompagnato da spinta,  lo ha fatto cadere saltandogli addosso e mettendogli in bocca un’arancia per non farlo gridare. Nel frattempo sono intervenuti altri tre complici che erano  nascosti  ed il giovane, immobilizzato a terra, è stato rapinato di portafogli e smarphone quindi la fuga dei balordi, riportando fisicamente lievi contusioni.
Il portiere di notte di un hotel, accortosi di quanto stava accadendo, ha dato l’allarme esono sopraggiunti i Carabinieri che, visionate le immagini, hanno diramato le ricerche dei rapinatori.

Poco dopo, una pattuglia dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro, comandata dal Maggiore Aniello Schettino, che gravitava in zona per le ricerche, in una via limitrofa,  ha assistito ad un tentativo analogo di rapina ad opera della stessa banda,  di uno smartphone ai danni di un altro straniero e sono immediatamente intervenuti riuscendo a  bloccare tre  dei 4 rapinatori. 

{youtube}_pnTWgthj-g{/youtube}
I tre, accompagnati in Caserma, venivano identificati per tre egiziani, di età compresa tra i 18 e 19 anni ma già con precedenti penali e mai espulsi, ed arrestati per rapina aggravata.
La refurtiva, recuperata, è stata riconsegnata ai derubati mentre le indagini proseguono per identificare il quarto rapinatore  fuggito.
Il 10 ottobre scorso,  gli stessi Carabinieri arrestarono un cittadino peruviano ed un cittadino ghanese resisi autori di un violento pestaggio, in via Gaeta angolo piazza dei Cinquecento,  ai danni di un cittadino tunisino che, per l’esplosione di entrambi i bulbi oculari, causata dai calci e pugni presi, ha perso la vista.
Certo, l’Italia è un paese da cancellare per il turismo, per la violenza a cui si va incontro visitandolo
Back to top button