Estero

Mentre il Papa parla di pace, l’Isis parla con le armi. In Turchia uccide il regista anti-Isis e in Mali massacra i Tuareg

turchia naji jerfRoma,  28 Dicembre  – Mentre dall’Italia continuano ad essere pronunciate parole di pace e concordia, arrivano notizie dell’opera di morte degli islamisti dell’Isis.

In Turchia, su twitter   l’ong siriana “Raqqa viene massacrata in silenzio”, fa sapere che a Gaziantep, città turca al confine con la Siria, il regista siriano Neji Jerf, autore di documentari anti-Isis con cui dal 2014  raccontava, in clandestinità,  come i jihadisti massacravano la popolazione, è stato ucciso

In Mali, invece, gli estremisti islamici jihadisti dell’organizzazione Ansar Dine, via web,  hanno vantato l’uccisone di  almeno 15 persone in due attacchi nel nord del Mali. 11 tuareg sono stati uccidi giovedì a Kidal ed  altri 4 venerdì. I tuareg, dal 2012 erano in guerra con il governo perchè volevano uno stato indipendente, ma in giugno hanno firmato un accordo di pace con Bamako. Questo li ha fatti diventare obiettivi  dei jihadisti affiliati ad al-Qaida e all’Isis.

Back to top button