Estero

Manchester – Terribile attentato. 22 morti, anche bambini, al concerto di Ariana Grande. I feriti sono almeno 59

londra manchester attentato arena

(Foto Ansa/Epa)

Bilancio vittime destinato ad aumentare

Londra, 23 maggio 2017 ore 08:34NEWS – Erano le 22,30 circa di ieri, ora locale, ed a Manchester era appena finito il concerto della 24enne pop star americana Ariana Grande, che si era tenuto nella più grande arena indoor d’Europa, con una capienza di oltre 21.000 posti, piena sopratutto di giovani e giovanissimi. Improvvisamente, un grande boato ha sconvolto la struttura, annunciando la strage terroristica. Secondo le prime confuse ricostruzioni, nella zona del foyer, non lontano dalle biglietterie, subito fuori dall’area degli spalti, sarebbe esploso un ordigno imbottito di chiodi.

 Mentre il terrore si impossessava dei presenti fra il fuggi-fuggi generale e nell’arria si spargeva l’acre odore dell’esplosione misto a quello delle carni bruciate delle vittime, giungevano immediatamente i mezzi di soccorso e della Polizia con artificieri.

Rimossi i corpi ormai privi di vita, i feriti venivano trasportati nei vari ospedali.  La Greater Manchester Police diffondeva un primo messaggio, invitando la gente a stare lontano dalla zona, disponendo la chiusura  della stazione della metropolitana di Victoria, la più vicina all’arena. Intanto gli artificieri, provocavano almeno un paio di detonazioni controllate di oggetti sospetti.

Secondo quanto riporta la Bbc online, il primo bilancio sarebbe di  almeno 22 morti, fra cui molti bambini, e 59 feriti.

L’indagine, stando sempre alla Bbc, è stata affidata alla North West Counter Terrorism Unit con il supporto dell’antiterrorismo di Scotland Yard, inviati da Londra già nella notte. 

La premier britannica Teresa May ha diffuso un messaggio di cordoglio e solidarietà alle famiglie delle vittime di “un orrendo attacco terroristico” mentre su twitter, la pop star Ariane Grande ha scritto “Distrutta. Dal profondo del mio cuore, sono così tanto dispiaciuta. Non ho parole”.

L’Italia, attraverso la Farnesina e l’Ambasciata a Londra, ha subito preso contatto  con le autorità inglesi per verificare l’eventuale presenza di italiani e prestare ogni possibile assistenza ai connazionali presenti nel Regno Unito.

La Regina Elisabetta II, ha ricevuto messaggi di cordoglio e condanna per il barbaro attacco terroristico, da parte del presidente cinese Xi Jinping,del premier australiano Malcom Turnbull e dalla leader scozzese Nicola Sturgeon.

Back to top button