Tennis

Wimbledon: Fognini, vince la prima

Al femminile, stravince Pennetta

Londra,  24 giugno –  È iniziato ieri uno dei tornei più importanti nel mondo del tennis,  Wimbledon, a cui parteciperanno i più importanti nomi di questo sport.

Il favorito (e lo dicono gli scommettitori con le quote) è il numero 1, il 27enne serbo Novak Djokovic.

A dargli battaglia, però, ci saranno il beniamino di casa e vincitore uscente Murray, Nadal e King Roger Federer nonchè  Milos Raonic e Stan Wawrinka, divenuto numero 3 del mondo.

Per il tabellone femminile, i pronostici sono tutti per Serena Williams, che solo nel quarto di finale potrebbe essere insidiata da  Maria Sharapova, fresca vincitrice del Roland Garros. Particolare attenzione, sarà rivolta a  Li Na, Victoria Azarenka e Simona Halep, considerate le principali outsider del torneo.

Per gli addetti ai lavori, poche le possibilità di vittoria  nel maschile per gli italiani. In campo, Fognini, Andreas Seppi, Volandri, Bolelli e Lorenzi.

Per le azzurre, a difendere i colori, ci saranno  Roberta Vinci, Sara Errani, Schiavone , Knapp e Giorgi

Il primo a scendere in campo, l’unico torneo importante in erba, Fognini, il quale inizia litigando, insultando il giudice ma riesce a risalire di due set contro l’americano  di origini ucraine Alex Kuznetsov. Poi conduce fino alla quinta frazione quando, penalizzato di un punto per aver scagliato la racchetta, perde il servizio ma anche la ragione, pronunciando frasi offensive dapprima nei riguardi del giudice di sedia e, durante il cambio di campo, contro il supervisor Wayne McEwen. La sconfitta ormai sembra certa ma il tennista italiano, con uno scatto, chiude la partita dopo poco più di tre ore (2-6 1-6 6-4 6-1 9-7). Nell’uscire dal campo, dopo aver evitato  la tradizionale stretta di mano con il giudice di sedia, dicendo ”C’è più gusto a vincere contro tutti. Non riuscivo a giocare, poi il match è diventato un dramma e ho avuto anche un po’ di fortuna. Ormai mi hanno dato un’etichetta, ho detto all’arbitro di fumarsi l’erba per darsi una calmata”.

Sconfitti, come da pronostico,  Filippo Volandri, battuto dal francese Edouard Roger-Vasselin (7-6 6-2 6-4) e Andreas Seppi, sconfitto al quinto set da  Leonardo Mayer (6-3 2-6 4-6 7-6(5) 6-4)

Solo Flavia Pennetta, nella “rosa azzurra”, riesce a liquidare in un’ora, l’avversaria, la slovacca Jana Cepalova. Causa oscurità, con  punteggio di un set pari, è stato sospeso l’incontro di Sara Errani contro Caroline Garcia.

Nessuna sorpresa tra i big dei due tabelloni. Dopo 79 anni un britannico ha inaugurato il programma del Centre Court. L’onore è toccato al detentore del titolo Andy Murray che fatica più a gestire le emozioni che non a superare il belga David Goffin (6-1 6-4 7-5).

Nel maschile, ancora vittoria per  Novak Djokovic e  il bulgaro Dimitrov. elimina lo statunitense Ryan Harrison (7-6 6-3 6-2), mentre cede un set Tomas B

Al femminile, assente la regina Marion Bartoli, la cinese Li Na, annienta in due set la polacca Paula Kania (7-5 6-2).

Passa al secondo turno, ma in tre set, anche Venus Williams contro la spagnola Maria-Teresa Torro-Flor (6-4 4-6 6-2).

Tags
Back to top button
Close