Rugby

Un italiano nel Top 15: Sergio Parisse

Parisse nella squadra ideale del decennio 2010-19

Roma, 8 dicembre 2020 – Ci sono sette neozelandesi, tre sudafricani, due irlandesi, un australiano, un gallese e un italiano: Sergio Parisse.

Sembra l’incipit di una di quelle barzellette un po’ fessacchiotte anni Settanta, che per i bambini di quell’epoca hanno nel fantasma Formaggino l’eroe eponimo.

Invece è una storia vera e l’eroe nazionale è il succitato Sergio Parisse, ex capitano della nosra nazionale e campione indiscusso del rugby italiano recente.

World Rugby, organismo internazionale di vertice, lo ha infatti inserito nel XV maschile ideale della decade 2010-2019.

Un meritatissimo Oscar alla carriera – peraltro ancora in corso – di Parisse, che ha mandato virtualmente in panchina tutti gli altri numeri 8 della sua epoca.

Mentre la nostra Nazionale nell’ultimo ventennio ha compiuto dei passi indietro, la stella di Parisse continua a brillare, tenendo alto il tricolore.

E’ opinione diffusa che Sergio avrebbe potuto giocare titolare in qualunque squadra, inclusi gli All Blacks.

Eppure sono pochi i trofei di cui può fregiarsi, come è capitato ai campioni eccellenti di discipline sportive che nel proprio Paese non sono quelle di punta.

Detto questo, ai complimenti che tutto il mondo rugbistico sta tributando a Parisse aggiungiamo, modestamente, anche quelli della redazione sportiva di www.attualita.it .

Con la soddisfazione di vedere nel “Team of the Decade” il nostro abruzzese d’argentina, con buona pace di inglesi, francesi e scozzesi che per stavolta debbono restare a guardare e ad applaudire Sergio.

 

Back to top button