Rugby

L’Italrugby rivince

A Lisbona vittoria sofferta degli azzurri nel primo dei tre test match estivi: 31-38 in casa del Portogallo.

Lisbona, 25 giugno 2022 – Un’Italia con tre esordienti apre in Portogallo la tournée estiva 2022, nello Estadio del Belenenses, in riva all’estuario del Tago.

A seguire, la nostra nazionale maschile sarà impegnata prima in Romania (1 Luglio, ore 20 italiane) e poi in Georgia (10 Luglio, ore 18 italiane).

Si tratta di incontri importanti per chiarire i rapporti di forza rispetto a queste nazioni europee emergenti, che aspirano a scalzarci nelle gerarchie continentali.

Da segnalare l’assenza di Paolo Garbisi, che ieri sera ha conquistato con la maglia del Montpellier il titolo di campione di Francia: è il primo Bouclier de Brennus per la squadra del Midi.

Debutto da titolare per Giacomo Da Re, n.10 del Rovigo, in una mediana inedita con Alessandro Fusco.

L’Italia parte male e, dopo aver subito un calcio piazzato, va ulteriormente in svantaggio per uno scomposto placcaggio alto sull’ala portoghese Marta da parte di Marin.

Intervento sanzionato con cartellino giallo e meta di punizione a favore dei lusitani.

Poi due mete di Fusco e del rientrato Marin riportano temporaneamente in partita gli azzurri, che però vanno di nuovo sotto con la segnaturadi Marta.

Il forte vento atlantico complica la vita al calciatore Da Re, che non riesce a centrare i pali nelle tre occasioni dalla piazzola avute nel primo tempo.

Si va al riposo con i padroni di casa avanti per 17 a 10.

Nella ripresa l’ingresso di Ruzza conferisce nuovo slancio al XV azzurro.

Infatti, nonostante un’altra marcatura portoghese con il capitano Appleton liberato da una grande iniziativa dell’estremo Sousa Guedes, l’Italia rientra in gioco.

Due mete, di Padovani prima e di Lucchesi poi, entrambe trasformate da Da Re, ci portano in parità dopo un continuo svantaggio.

Nell’ultimo quarto si decidono le sorti del match. Da Re rimedia un cartellino giallo e mette in difficoltà i nostri.

Una serie di mischie a nostro favore davanti ai pali avversari non producono punti (che optare per calci piazzati avrebbe invece garantito).

E così al 67’ Rodrigo Marta ci punisce, perforando nuovamente le maglie larghe della difesa azzurra.  Trasformazione dal solito Marques.

Al 74’ è ancora pareggio, grazie a una maul concretizzata in meta da Traorè ecalcio tra i palida Padovani.

Poi è Marta a lasciare il campo per espulsione temporanea, lasciando i suoi in 14 fino al termine.

Così il sorpasso e la sofferta vittoria arrivano per l’Italia allo scadere.

Con una meta di punizione, per ostruzione alla nostra maul diretta ormai oltre la linea; ne consegue un altro cartellino giallo e la doppia inferiorità numerica per i lusitani.

Una risultato finale che, onestamente, non evidenzia un significativo divario tra Italia e Portogallo, a dispetto della 14a e 20a posizione rispettivamente occupate nella graduatoria mondiale.

Conviene però godersi la seconda vittoria consecutiva dopo quella di Cardiff, non è poco.

Arbitraggio di grande personalità della scozzese Hollie Davidson, coadiuvata dalle colleghe Sara Cox, Aurelie Groizeleau e Claire Hodnett.

TABELLINO: PORTOGALLO-ITALIA 31-38(parziale 17-10)

 Marcatori: Primo tempo:7’ cp. Marques (P); 15’ meta di punizione (P); 25’ m. Fusco (I); 31’ m. Marin ; 38’ m. Marta , tr. Marques (P). Secondo tempo:42’ m. Appleton tr. Marques (P); 46’ m. Padovani tr. Da Re (I); 53’ m. Lucchesi  tr. Da Re (I); 67’ Marta tr. Marques (P); 74’ m. Traorè  tr. Padovani (I); 80’ meta di punizione (I)

Formazioni:

PORTOGALLO: Sousa Guedes, Pinto, Lima, Appleton (capitano), Marta; Portela, Marques; Simoes,Freitas, Granate; Madeira, Cerqueira, Hasse-Ferreira, Tadjer, Fernandes. A disposizione: Costa, Mascarenhas, Prim, Torgal, Andrade, Azevedo, Storti, Cardoso-Pinto (C.T.: P. Lagisquet)

ITALIA: Capuozzo, Trulla, Brex, Marin, Padovani; Da Re, Fusco; Giamarioli, Lamaro (capitano), Pettinelli; Zambonin, Sisi; Ferrari, Faiva, Fischetti. A disposizione: Lucchesi, Traorè, Neculai, Fuser, Ruzza, Zuliani, Albanese, Zanon (C.T.: K. Crowley).

Arbitro: Hollie Davidson (Scozia).

 

Back to top button