Motori

Settimana in ospedale per molti protagonisti del Mondiale MotoGP

Il Motomondiale del Gran Premio di Spagna, quarta prova disputata domenica scorsa, ha lasciato il segno su diversi piloti.

Pedrosa, classificato al terzo posto della gara, è stato operato martedì all’Hospital Universitario Quirón Dexeus di Barcellona dal Dott. Xavier Mir, direttore dell’Unità degli arti superiori e microchirurgia della mano, per risolvere il problema di sindrome compartimentale all’avambraccio destro. Per lo spagnolo della Honda qualche giorno di riposo assoluto col braccio immobile, poi riabilitazione in vista del Gran Premio di Francia del 18 maggio.

Stesso problema e veloce operazione anche per Stefan Bradl: il tedesco della LCR Honda, che ha iniziato ad accusare dolore nei primi giri del Gran Premio di Spagna, è stato operato mercoledì dal Dott. Wolfgang Streifinger presso l’ospedale di Wertingen, nella regione della Bavaria. Per lo stesso motivo, Bradl era già stato operato nel novembre 2012 dal Dottor Mir, ma la suapartecipazione alla gara di Lemans del 18 maggio, fanno sapere in Honda, non è comunque in discussione.

Niente operazione, invece, per Danilo Petrucci, protagonista di una spettacolare caduta durante il warm up di domenica a Jerez che gli ha causato la frattura del radio del braccio sinistro. Per il pilota italiano della Ioda si è deciso di procedere con una terapia conservativa e Petrucci sarà regolarmente al via domenica 18 maggio a Lemans.

Dal week end spagnolo è uscito malconcio anche Nicky Hayden. L’americano del Team Aspar ha saltato i test di lunedì per un problema al polso destro accusato tra sabato e domenica. “Sabato sera mi faceva molto male, durante la notte mi sono svegliato con molto dolore e in gara è andato peggiorando” ha spiegato Hayden aggiungendo “ho già avuto un intervento chirurgico su questo polso e un sacco di problemi l’anno scorso, ma non so di cosa si tratti. Abbiamo fatto alcuni raggi-x e non sembra esserci nulla che non vada. Voglio fare altri esami per cercare di scoprire perché è successo”.

Back to top button