Il giorno dello “Squalo” e del Rugby

0
53

rugby nibaliRoma, 17 marzo 2018 – Due belle pagine allietano la giornata degli sportivi italiana.  L’Italrugby dimostra finalmente di avere raggiunto una statura internazionale perdendo, a due minuti dal termine, una partita che aveva già meritatamente vinto. La bella notizia è che lo Stadio Olimpico di Roma era  colmo di 60.412 spettatori paganti, di cui 30 mila scozzesi in gonnellino, kilt, tartan e birra. Tutti festanti assieme ad altrettanti sportivi provenienti da ogni dove italiano. Il tutto per la felicità delle casse romane.
L’altra storia, invece a lieto fine, è quella scritta,  un paio d’ore dopo la conclusione del match rugbystico, dal ciclista Vincenzo Nibali, che ha riportato in Italia , dopo 12 anni, la corona di vincitore della Milano-San Remo.
Con questa impresa, lo “Squalo dello Stretto”, entra di prepotenza e diritto nel novero dei grandi del ciclismo , di miti come Guerra, Binda Bartali, Coppi, Moser. Vi entra non solo perché  vincitore di Giri d’Italia, Tour di Francia e Vuelta di Spagna, ma per come  ha vinto ed il contesto delle vicende che hanno preceduto l’impresa.
Nel carnet dello “Squalo dello Stretto” (la natia Messina), dovrebbe comparire anche l’oro olimpico che, invece , manca perché il fato glielo ha scippato quando ormai  l’aveva già appeso al collo. Parliamo  dei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro 2016.  Della caduta drammatica  nella discesa di Vista Chinesa ad 11 chilometri dall’arrivo. Lui, in fuga con due figuranti, lanciato come Lui solo sa fare nella discesa  conclusiva. Le moto della televisione non riescono a stargli dietro. La strada, scivolosa ed all’ombra, è un precipizio. Dopo una curva,  l’Italiano ed Henau spariscono. Anche il video mostra immagini confuse.  Si teme che i ciclisti siano finiti nel dirupo. Finalmente l’inquadratura mostra Nibali riverso al centro della strada fortunatamente vivo. Si teme qualche trauma cranico, commozione cerebrale nonostante il casco. Con urgenza in ospedale. Fortuna, si fa per dire, se la cava con la doppia frattura della clavicola, ma vivo.
Nibali ha 32 anni.  La sua vita sportiva con un incidente di questo tipo, dovrebbe chiudersi qui. In bicicletta neanche per recarsi dal lattaio. Non per scendere e salire per centinaia di chilometri per le strade del mondo per corse (a riparo del traffico) e allenamenti (nella bolgia delle quattro ruote). Quanto alle strade in discesa, si smonta dalla bici e si va a piedi.
Ed invece no. Ancora con la clavicola in riparazione, lo Squalo rimonta in sella e torna ad essere competitivo.  Nessuna ansia o paura quando  la strada è in discesa. Anzi è come se a Rio si fosse vaccinato.
E, quindi,  oggi a San Remo arriva il suo capolavoro. Prima della città dei fiori e del festival, la Via Aurelia ha un’impennata di 150 metri di dislivello. Qui molte Classicissime hanno visto il loro epilogo. È qui, a 7 chilometri dal traguardo, che  Nibali piazza il suo attacco che lo porta a scollinare con 11 secondi di vantaggio sulla muta di inseguitori dove figurano il Campione del Mondo Peter Sagan,  l’australiano Caleb Ewan e tutti i passisti migliori incaricati di andare a riprendere i fuggitivi per preparare la voltata ai finisseur. Mancano solo 5 chilometri per il Traguardo. Lo Squalo è solo. Gli altri si danno il cambio. Ma Nibali è solo nella sua incoscienza, o temerarietà consapevole della propria competenza. Non sbaglia una curva ed addirittura riesce a carpire un  importante secondo di vantaggio. La strada – per il paio di chilometri che mancano –  è ormai in pianura. Lo Squalo ha sulle gambe 290 chilometri ed attinge alle residue energie che gli sono rimaste. Riesce a contenere il  recupero del gruppo nell’ordine di un secondo ogni cento metri. Non si volta mai a guardare e sul traguardo ha ancora cinque metri su Caleb Ewan ed il francese Arnaud Demare che regolano il gruppo accreditato del suo stesso tempo.
Nibali è ormai un mito tutto italiano: gambe, cuore e coraggio. Un ragazzo del Sud, come tanti altri, pronti a far grande il Bel Paese anche senza il reddito di cittadinanza!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here