Ciclismo

Ciclismo: È olandese il Re del Giro 100!

ciclismo Tom DumoulinRoma, 29  maggio  2017 – Non poteva essere banale l’edizione del 100° Giro d’Italia, tant’è che il vincitore è Tom Dumoulin primo olandese nella storia della corsa rosa.
Forse non era nel podio dei favoriti della vigilia ma il portacolori della Sunweb ha meritato il trionfo per una condotta complessiva molto regolare, dimostrando maturità e crescita nella tattica di corsa.
La cronometro nell’ultima tappa, contrariamente alla passerella finale degli ultimi anni, è stata decisiva nei 29 km. da Monza a Milano dove Dumoulin, arrivando secondo, ha dato 1’24” a Quintana recuperando i 53” di svantaggio dopo le ultime frazioni di montagna della terza settimana che avevano visto il colombiano rivestire il simbolo rosa.
Un Giro incerto fino all’ultimo che ha visto anche altri protagonisti come il francese Pinot, quarto assoluto e vincitore della tappa del Monte Grappa, il russo Zakarin buon 5° senza però nessuna vittoria di tappa, il trentaquattrenne Pozzovivo indomito combattente al miglior Giro di tutta la carriera, lo sfortunato Landa vincitore di un tappone dolomitico con struggente dedica all’ex  compagno Scarponi.
Una menzione particolare per Quintana e Nibali. Il colombiano ha dato tutto ma non è stato capace di dare quel colpo in più, quella “rasoiata”, che potesse stroncare gli avversari sulle salite a lui propizie; forse negli anni è stato sopravvalutato, insomma per dirla tutta non è mai stato Pantani…..
Vincenzo Nibali ha fatto il possibile, migliorando molto a cronometro e lottando sia in salita come in discesa, nel cercare, l’unico, alternative possibili contro gli ostici avversari.
La sensazione è che a 32 anni lo Squalo messinese forse ha dato il meglio nei grandi Giri, tuttavia la carriera può riservargli altre soddisfazioni magari nelle corse di un giorno o in un prossimo mondiale.
Un ultima considerazione ed un complimento all’organizzazione, assolutamente perfetta con un crescente successo di pubblico testimoniato anche e soprattutto dall’impareggiabile squadra Rai, eccellente come al solito. Una qualità di primissimo livello.
Adesso poco meno di un mese di tregua e poi scatterà il Tour, ma ne parleremo a suo tempo.

Back to top button