Brasile 2014

Mondiali Brasile 2014. La “Celeste” surclassata all’esordio da una sorprendente Costa Rica

La Costa Rica si mostra al mondo rifilando un netto 3 a 1 all’Uruguay!

Uruguay (4-4-2): Muslera, Maxi Pereira, Godin, Lugano, Caceres, Stuani, Gargano, Rios, Rodriguez C., Forlan, Cavani – Allenatore Oscar Tabarez

Costa Rica (5-4-1): Navas, Gamboa, Duarte, Gonzalez G., Umana, Diaz, Ruiz, Borges, Tejeda, Bolanos, Campbell – Allenatore Jorge Luis Pinto

Fortaleza (Brasile) 14 giugno – Estádio Castelão, Gruppo D. La Costa Rica si mostra al mondo! Una squadra compatta e veloce, ben organizzata in tutti i reparti, s’impone con autorità contro la più blasonata, e sulla carta più forte, squadra guidata da mister Tabarez. L’Uruguay è stato letteralmente annientato dalla compagine centroamericana guidata da Jorge Luis Pinto che ha impostato il gioco della sua squadra quasi esclusivamente sulle ripartenze. La Costa Rica occupa attualmente la posizione n. 28 del ranking FIFA, ma per come ha giocato la sua partita di esordio nel mondiale, meriterebbe di migliorare di molto la sua classifica sin da domani.

Dopo un rigore nettissimo fischiato per fallo su Lugano trasformato da Edinson Cavani al 24′, la partita non ha avuto praticamente quasi più storia. I ragazzi di Luis Pinto hanno preso le redini della partita conquistando centimetro dopo centimetro tutti gli spazi del terreno di gioco. Il mattatore del match è stato sicuramente il ventiduenne Joel Campbell, attualmente centravanti dell’Olympiakos, ma di proprietà dell’Arsenal. Il n. 9 ha fatto letteralmente ammattire i difensori della “Celeste” che non sono riusciti ad arginare le giocate del giovane attaccante della Costa Rica.

Al 54′ è proprio lui a pareggiare con una splendida girata indirizzata all’angolino della porta difesa da un immobile Muslera, vecchia conoscenza del calcio italiano. Tre minuti dopo Duarte al 57′, con un magico quanto preciso colpo di testa, porta meritatamente in vantaggio la sua squadra. I tifosi sono increduli e impazziscono di gioia!

Mister Tabarez cerca di correre ai ripari operando delle sostituzioni per non uscire definitivamente dal match, ma non sarà così perché è Luis Pinto ad azzeccare le sostituzioni tanto è vero che Urena appena entrato in campo, imbeccato perfettamente da Campbell che si fa notare anche come assist man, all’84’, mette definitivamente la parola fine sulla partita!
Dopo la sorpresa della sonante sconfitta della Spagna ad opera dell’Olanda, il mondiale ce ne regala un’altra proprio nel nostro girone.

La vittoria del Costa Rica apre nuovi orizzonti per l’Italia che ora avrà il vantaggio di sapere che la squadra guidata da Jorge Luis Pinto non è da considerare assolutamente la squadra materasso del girone e che merita la dovuta attenzione e concentrazione per batterla!

Tags
Close