Calcio

Serie A – Solita Juve, Roma choc, Lazio col brivido

Roma, 16 settembre 2018 – Alla ripresa del campionato, dopo la tristezza del doppio impegno della Nazionale nella Nations League, i risultati della domenica hanno comunque fornito dei verdetti interessanti come la quarta vittoria consecutiva dei Campioni uscenti, 2-1 al Sassuolo con doppietta di Cristiano Ronaldo (!) e rete di Babacar, la vittoria del Genoa in casa sul Bologna, 1-0 ancora in goal la rivelazione Piatek, il pareggio tra Udinese e Torino, 1-1 reti di De Paul e Meitè, con le giuste proteste dei granata scippati di un goal per mancato utlizzo del VAR, il rocambolesco pareggio interno della Roma col Chievo, 2-2 in goal El Shaarawy, Cristante, Birsa e Stepinski, la vittoria in trasferta della Lazio ad Empoli, 0-1 rete di Parolo, il pari in serata del Milan fuori casa a Cagliari per 1-1, Joao Pedro ed Higuain,

Premesso che ritengo una follia far giocare a metà settembre a Roma una gara alle 12,30 (!), col caldo asfissiante ed un tasso d’umidità elevato col Tevere a ridosso dell’impianto sportivo, tuttavia i giallorossi hanno sprecato l’ennesima opportunità casalinga addirittura in vantaggio doppio, calando sensibilmente nel secondo tempo e ringraziando il discusso portiere Olsen che al 95′ compie un autentico miracolo togliendo dall’incrocio dei pali un tiro a giro di Giaccherini.

Al di la di una rotazione in ottica Champions è sembrata preoccupante la condizione degli uomini di Di Francesco, forse più mentale che fisica per le pressioni ambientali degli ultimi tempi, che al secondo impegno casalingo con squadre non di primissima fascia, Atalanta e Chievo, hanno preso la miseria di due soli punti.

E’ una strana simbiosi, in questo inizio di stagione, quella tra Roma e Lazio coi due tecnici che non sono sembrati in sintonia con le due società e con una condizione atletica che sembra approssimativa, nella speranza che per tutte e due sia stata progrmmata per arrivare in fondo nel miglior modo possibile.

La vittoria dei biancocelesti va presa solo per i tre punti conquistati che rimettono in carreggiata i laziali dopo lo zero delle prime due gare, con giocatori ancora lontani dal rendimento medio dello scorso anno, Luis Alberto, Milinkovic, Parolo ed Immobile, ed una rosa che non sembra così profonda come ci hanno raccontato.

Domani sera si completa la quarta giornata con un interessante Spal-Atalanta, in attesa del recupero mercoledì prossimo tra Sampdoria e Fiorentina e nella prospettiva dell’inizio delle coppe europee con quattro italiane in Champions, Juve, Napoli, Roma ed Inter, e due in Europa League, Lazio e Milan.

Auguri a tutte.

Tags
Guarda anche
Close
Back to top button
Close