Calcio

Serie A: Promossi e Bocciati della 26°giornata.

In testa vincono tutte meno Atalanta e Lazio.

Roma, 8 marzo 2021

Si chiude la 26°giornata della serie A con il big-match del Meazza tra Inter e Atalanta vinto dai nerazzurri di casa per 1-0.

L’Inter mantiene quindi il +6 sul Milan portando a casa una gara difficile, sofferta, contro un’ottima Atalanta che ha fatto la gara sviluppando una cifra tecnica di spessore e almeno tre occasioni da rete.

Ormai il canovaccio della squadra di Conte è grande compattezza difensiva, che coinvolge anche i centrocampisti, col solo Lukaku a tirar su i suoi e se va in vantaggio, come stasera con l’unico tiro in porta, non la prendi più.

Promossi:

La Roma che fa il minimo sindacale nel successo casalingo per 1-0 sul Genoa, consolidando il quarto posto e la candidatura per un posto in Champions.

Pratica risolta nel primo tempo e seconda parte in controllo con una discreta rotazione degli uomini in ottica Europa League di giovedì prossimo.

La Juventus, vincente per 3-1 sulla Lazio, che si proietta con qualche imbarazzo in meno alla sfida di martedì contro il Porto in Champions.

Attenzione però perchè se in Coppa l’approccio alla partita sarà quello del primo tempo con i biancocelesti saranno dolori…

Il Cagliari per aver recuperato oltre il 94° un 2-2 preziosissimo fuori casa contro la Sampdoria in una gara che lo aveva visto in vantaggio per 75 minuti.

Dall’arrivo di Semplici sette punti in tre partite e più fiducia per una salvezza tutta riaperta.

L’Udinese che batte per 2-0 il Sassuolo dando prova di compattezza e allungando la serie positiva per un finale di torneo tranquillo.

Il Milan che sembrava vittima designata nella trasferta di Verona, per le gravi assenze in organico, e che invece vince d’autorità per 0-2 rimanendo in scia dei cugini interisti.

Il Crotone, alla seconda panchina di Cosmi, vince con un sonoro 4-2 contro un Torino reduce da una quindicina di giorni complicati dall’emergenza covid.

Rimandati:

Spezia e Benevento, nel 1-1 di sabato, Fiorentina e Parma, in un 3-3 drammatico al Franchi, Napoli e Bologna, 3-1 esagerato per gli azzurri con i felsinei che hanno giocato comunque una buona partita.

Bocciati:

La Lazio con i soliti difetti che fanno capo ai soliti errori individuali.

Al punto in cui siamo anche Inzaghi deve prendere coscienza che, volente o nolente, se alcuni big non stanno in condizione devono giocare altri elementi.

Si è sempre detto e scritto che la Lazio per quei quattro o cinque giocatori che ha sopra la media se la può giocare con tutti, ma se non sono in forma è inutile insistere.

Poi però discutiamo sull’inadeguatezza della rosa, se facciamo il paragone con una squadra come l’Atalanta (non la Juve o il Real Madrid…).

Cgli orobici hanno speso e pescato bene giocatori come Djimsiti o Palomino mentre il pluripremiato DS Tare paga 12 milioni Vavro, desaparecido anche in Spagna …

Il Sassuolo, poco determinato nella sconfitta di Udine, che si è attestato in un limbo che non gli da ne la prospettiva dell’Europa, ne la preoccupazione della salvezza.

Il Verona per lo stesso motivo riferito per il Sassuolo e il Torino alla prima sconfitta della gestione Nicola, a cui però dobbiamo riconoscere le attenuanti dovute al covid.

 

Classifica dopo la 26°giornata:

Inter, 62; Milan, 56; Juventus, 52; Roma, 50; Atalanta, 49; Napoli, 47; Lazio, 43; Verona, 38; Sassuolo, 36; Sampdoria e Udinese, 32; Bologna, 28; Genoa, 27; Benevento, Spezia e Fiorentina, 26; Cagliari, 22; Torino, 20; Parma, 16; Crotone, 15.

Torino due partite in meno, Lazio, Sassuolo, Juventus e Napoli una partita in meno.

 

 

 

Back to top button