Calcio

Serie A, 34°giornata: Promossi e Bocciati.

Scudetto Inter centrato, ancora aperte qualificazioni Champions e salvezza.

Roma, 2 maggio 2021

34°giornata di serie A: Promossi e Bocciati.

E’ la giornata dell’Inter che con quattro giornate d’anticipo si regala il 19° tricolore della sua storia, alla fine della fiera meritatamente.

Complimenti a Conte che insieme al suo staff in due anni, attraverso i munifici investimenti della proprietà cinese, ha costruito il ribaltone nei confronti dell’egemonia juventina.

Adesso per l’allenatore nerazzurro viene il momento di confrontarsi in Europa, suo tallone d’Achille sin dai tempi juventini.

Promossi:

L’Inter che con lo 0-2 di Crotone, come detto, vince il titolo sul divano approfittando del mezzo passo falso dell’Atalanta contro il Sassuolo.

La Lazio, supera in casa per 4-3 il Genoa, che fa soffrire i propri tifosi per un inspiegabile black-out che dal 80° minuto rimette in discussione una gara dominata fino a quel momento.

In verità due nefandezze difensive di Cataldi e Reina, oltre ad un maldestro autogoal di Marusic ad inizio secondo tempo, nel giro di un minuto ridanno fiato ad un Genoa più in partita nella ripresa.

Comunque giornata favorevole nella corsa Champions per aver guadagnato due punti su Napoli e Atalanta.

Il Cagliari, alla quarta gara utile consecutiva, che strappa un pareggio d’oro a Napoli per 11 nei minuti di recupero, così come gli era capitato contro il Parma.

Lo Spezia, nel prezioso pareggio di Verona per 1-1, che lucra un punto sull’ultimo gradino della retrocessione sempre con coraggio e abnegazione.

La Juventus solo per il risultato, 1-2 fuori casa contro l’Udinese, che la vedeva soccombere a dieci minuti dalla fine.

Una punizione dubbia, trasformata poi in un rigore per un mani di De Paul in barriera, e una papera difensiva hanno consentito il ribaltone bianconero.

La Sampdoria, vittoriosa sulla Roma per 2-0, che su impulso del tecnico Ranieri si sta togliendo delle soddisfazioni terminando il torneo nella parte sinistra della graduatoria.

Vlahovic e Palacio, pitotecnici protagonisti nel derby dell’Appennino, con doppietta del centravanti viola, 19 le reti fin qui segnate, e tripletta del giovanotto rossoblù (39 anni!).

Rimandati:

Il Bologna e la Fiorentina che si dividono la posta nel 3-3 del Dall’Ara e guadagnano un punto importante sul terz’ultimo posto del Benevento.

Sassuolo e Atalanta nel 1-1 che li ha visti protagonisti nella sfida del Mapei, in una partita vibrante, con due espulsioni e due rigori di cui uno decisivo fallito da Muriel.

Il Genoa che, seppur sconfitto all’Olimpico contro la Lazio, ha dato qualche segnale nella ripresa con uomini e atteggiamento più propositivi da parte di Ballardini.

Bocciati:

Il Napoli che nel pareggio casalingo con il Cagliari commette un’imperdonabile leggerezza proprio sul filo di lana compromettendo l’ottimo cammino delle ultime settimane.

Crotone, che saluta la serie A per un prossimo arrivederci con la consolazione di aver messo in mostra i due gioielli Simy, capocannoniere della squadra con 19 reti, e Messias.

La Roma, ultra rabberciata, crolla alla distanza contro i doriani sprecando anche un rigore con Dzeko; urge ritrovare stimoli e fiducia tra ritorno Uefa e finale di campionato.

Completamento della 34°giornata con lo scontro salvezza Torino-Parma, valevole più per i granata che per gli emiliani.

La prossima settimana si chiudono le semifinali europee in attesa delle finalissime di fine maggio. La Roma tenterà per lo meno di ben figurare in un pronostico che appare chiuso.

Classifica dopo la 34°giornata:

Inter, 82; Atalanta, Juventus, e Milan, 69; Napoli, 67; Lazio, 64; Roma, 55; Sassuolo, 53; Sampdoria, 45; Verona, 42; Udinese e Bologna, 39; Genoa, 36; Fiorentina, 35; Spezia, 34; Cagliari, 32; Benevento e Torino, 31; Parma, 20; Crotone, 18.

Torino due gare in meno, Lazio e Parma una in meno.

 

 

Back to top button