Calcio

Serie A, 3° giornata: tornado Roma, vecchi difetti Lazio.

Conferme e smentite alla ripresa del campionato.

Roma, 15 settembre 2019. Riprende la massima serie di calcio, dopo la prima sosta delle Nazionali, con la piccola sorpresa che la Juventus non è in testa alla classifica, seppur provvisoria, bloccata da un ottima Fiorentina nell’anticipo di sabato, 0-0. Anticipi che invece hanno visto vincenti le due più agguerrite contendenti per il titolo di quest’anno e cioè il Napoli, 2-0 sulla Sampdoria con doppietta di Mertens, e l’Inter, 1-0 sull’Udinese con goal di Sensi.

Sorpresona nella giornata odierna la vittoria in trasferta del Bologna col Brescia per 3-4, Donnarumma (2), Cistana, Bani, Palacio, Sabelli aut. e Orsolini, dopo esser stato sotto per 3-1 dopo la prima frazione; evidentemente la particolare situazione che vede il proprio allenatore lottare per una grave malattia ha reso granitico il gruppo rossoblù planato al secondo posto insieme ai Campioni d’Italia.

Tutt’altra prestazione fornita dalla Lazio a Ferrara, sconfitta al 92° dalla Spal per 2-1 con reti di Immobile su rig., Petagna e Kurtic. Primi 55′ di buon livello con occasioni sprecate per troppa leziosità, poi la disperazione degli spallini ha fatto regredire i biancocelesti prigionieri di vecchi difetti, mancanza di cinismo in attacco, scarsa tenuta mentale e marcature (?) larghe. Insomma nulla di nuovo in un organico che le cassandre prezzolate quest’estate ci hanno raccontato come migliorato rispetto al passato…

Buona invece la prestazione della Roma che in poco più di mezz’ora ha disintegrato un Sassuolo, schiavo della presunzione del suo allenatore, facendogli 4 goals in grande scioltezza; alla fine 4-2 con reti di Cristante, Dzeko, Mikhitaryan, Kluivert e Berardi (2) con un leggero calo di tensione finale ma complessivamente ottime le sensazioni ricavate da Fonseca che ha cominciato anche a poter fare delle scelte con la rosa quasi al completo.

Gli altri risultati hanno visto la vittoria dell’Atalanta fuori casa contro il Genoa per 1-2, Muriel e Criscito su rigore e D.Zapata, il colpaccio del Cagliari a Parma per 1-3, Ceppitelli (2), Barillà e Simeone e la vittoria soffertissima del Milan contro un ottimo Verona, in dieci dal 23° del primo tempo, per 0-1, rigore di Piatek.

Domani sera Torino-Lecce con l’affascinante prospettiva di un Toro che può raggiungere la testa della classifica.

Da martedi ricomincia anche la sarabanda delle coppe europee con Inter, Juventus, Napoli e la debuttante Atalanta in Champions, con le romane protagoniste giovedì in Europa League.

Classifica dopo la 3° giornata:

Inter, 9; Bologna e Juventus, 7; Torino, Napoli, Milan e Atalanta, 6; Roma, 5; Lazio, Genoa Verona, 4; Sassuolo, Parma, Udinese, Cagliari, Spal e Brescia, 3; Fiorentina,1; Lecce e Sampdoria, 0.

 

 

Tags
Close