Calcio

Serie A, 24°giornata: Promossi e Bocciati.

Milanesi su, Romane giù.

Roma, 28 febbraio 2021.

Titoli di coda sulla 24°giornata della serie A con l’Inter in fuga non tanto sul Milan quanto sulle terze per i dieci punti di margine.

Il Milan, dopo due sconfitte consecutive, sbanca l’Olimpico per 1-2 contro una Roma che ribadisce la maledizione dei confronti contro le prime della classe.

Gara vibrante con molte occasioni da rete da ambo le parti e Milan irriconoscibile in meglio rispetto agli ultimi quindici giorni; gran ritmo, molta qualità e risposta importante per la lotta al titolo.

La Roma da parte sua, a prescindere dagli incontri con le grandi, non deve lagnarsi per la gara di stasera perchè comunque ha giocato, al netto di qualche sbavatura.

Poteva anche pareggiare nel finale un po’ sulla falsariga della partita pareggiata con l’Inter per 2-2.

Promossi:

Il Milan per tutto quello che abbiamo già detto.

L’Inter che ormai gioca a memoria con un assetto che Conte ha trovato e che viene ribadito dall’unico impegno settimanale che i nerazzurri sosterranno da qui alla fine del torneo.

Sulla carta la gara con il Genoa, 3-0 al Meazza, era insidiosa anche per la striscia positiva della squadra di Ballardini alla vigilia, ma dopo appena 32 secondi Lukaku ha messo in discesa l’incontro.

Il Bologna che dopo 10 anni ritrova al Dall’Ara la vittoria per 2-0 contro una Lazio fragile dal punto di vista emotivo.

La dura legge del calcio ancora una volta ha colpito: rigore sbagliato da Immobile a metà primo tempo e dopo appena due minuti vantaggio del Bologna con Mbaye.

L’Atalanta che vince fuori casa contro la Sampdoria per 0-2 e a differenza della Lazio resetta la sconfitta in Coppa e riprende la corsa per un posto Champions.

Il Cagliari, all’esordio del nuovo tecnico Semplici, che riesce dopo sedici incontri a vincere a Crotone per 0-2 ridando speranze per una travagliata salvezza.

L’Udinese che sblocca sul filo di lana una gara complicata contro la Fiorentina per 1-0, portandosi a +10 sulla terzultima posizione in classifica.

Rimandati:

Uniamo in una singola citazione Spezia e Parma, al pareggio ieri per 2-2, insieme al Napoli vittorioso sul Benevento per 2-0. Un brodino di carne…

Bocciati:

La Roma, ma solo per la statistica che la penalizza contro le prime della classe però ribadiamo che 44 punti fatti non sono finti…

La Lazio che, al di là del rigore sbagliato che può capitare, ha mostrato una fragilità emotiva figlia di parecchi fattori ampiamente dibattutti su queste colonne in diverse occasioni.

Si è sempre detto che negli 11/13 calciatori i biancocelesti se la giocano con tutti ma insistere, per mancanza di alternative, su titolarissimi che non stanno in piedi forse è ancora più dannoso.

La Juventus, nel pareggio per 1-1 a Verona, all’ennesimo rimpianto in una stagione di parziale rifondazione che non sta dando i frutti sperati.

Dieci punti di distanza dall’attuale Inter cominciano ad essere troppi anche con una partita da recuperare (che va vinta…).

L’apprendista Pirlo non sembra ancora aver dato una coralità al gioco dei bianconeri, condizionato da alcune individualità e da qualche infortunio importante come Arthur, Chiellini e Cuadrado per citarne alcuni.

Fiorentina e Sampdoria, che non riescono a fare quel saltino di qualità che consentirebbe loro di programmare in serenità il finale di stagione.

Il Crotone che con l’ennesima sconfitta interna a 8 punti dal Torino, che deve recuperare con il Sassuolo, pensiamo sia ai titoli di coda di questa serie A.

Classifica dopo la 24°giornata:

Inter, 56; Milan, 52; Juventus e Atalanta, 46; Roma, 44; Lazio e Napoli, 43; Sassuolo e Verona, 35; Sampdoria, 30; Bologna e Udinese, 28; Genoa, 26; Benevento, Spezia e Fiorentina, 25; Torino, 20; Cagliari, 18; Parma, 15; Crotone, 12.

Torino e Sassuolo una partita in meno.

 

 

 

Back to top button