Calcio

Serie A – 13° giornata. Promossi e bocciati

Volano le lombarde. Bene la Juventus e la Lazio. Crollano la Roma e il Napoli.

Roma, 20 dicembre 2020 – La Lombardia avanza lancia in resta sulle pianure del campionato. La Juventus le tiene botta, mentre la Roma crolla a Bergamo. La Lazio batte il Napoli.

PROMOSSI

Il Milan – Vince 2-1 lo scontro diretto in casa del Sassuolo, ma con più autorevolezza di quello che dice il punteggio,. Dopo appena 7 secondi dall’inizio Leao (nella foto) segna il gol più veloce della storia del campionato e poi il solito Donnarumma giganteggia.

L’Inter – Dopo un primo tempo da matita rossa si sveglia nel secondo e batte 2-1 lo Spezia senza mai soffrire troppo. Vanno ancora in gol Hakimi e Lukaku, che si confermano come i due uomini in più di Conte in questa prima parte della stagione.

La Juventus – Tiene il passo delle milanesi ( e questo sarà probabilmente il terzetto che lotterà per lo scudetto) vincendo nettamente per 4-0 a Parma. C.Ronaldo fa un’altra doppietta e si dimostra sempre più decisivo per i bianconeri.

L’Atalanta – Chiude il primo tempo sotto per 1-0, nell’intervallo Gasperini mette dentro Ilicic e cambia tutto. L’Atalanta si sveglia e ribalta la partita contro la Roma vincendola per 4-1. In gol i soliti di sempre: Zapata, Ilicic e Muriel più Gosens, che finisce spesso tra i marcatori.

La Lazio e Immobile – Batte il Napoli 2-0 e il solito Immobile, puntuale come un treno svizzero, segna anche stavolta. Al di là della rete del centravanti, però, la Lazio dimostra autorità e sicurezza e ridimensiona il Napoli di Gattuso.

Il Benevento – Vince 2-0 lo scontro salvezza con il Genoa e mette in luce ancora una volta l’altro Insigne, che nei piedi ha un bel po’ della qualità del fratello del Napoli. Bravo “Pippo” Inzaghi. Nella bella classifica dei campani c’è molto di suo.

BOCCIATI

La Roma – Fonseca dice che i suoi “hanno giocato un secondo tempo da bambini” e ha ragione. Nell’intervallo la Roma sparisce dal campo e crolla, per l’ennesima volta, contro una squadra di suo pari livello. Al mister scoprire le cause di questa nefasta ripetitività.

Il Napoli – La sconfitta contro la Lazio pesa. Ma dove finiscono i meriti dei romani e dove iniziano i demeriti dei campani, privi anche di uomini chiave? Bastano le assenze per giustificare il brutto Napoli che all’Olimpico è sembrato solo il fratello di quello bello che abbiamo spesso elogiato nelle giornate precedenti?

Il Genoa – La sconfitta di Benevento allunga la striscia negativa del Genoa, che non vince ormai da tre mesi. Sembra che Maran sarà esonerato e che al suo posto tornerà Ballardini. Ma forse, nel Genoa, i problemi non stanno tutti in panchina …

Back to top button