Calcio

Ronaldo batte Juve 3-0

calcio rolando buffon 2018 (foto Ansa)
Roma, 04.04. 2018 – Checchè qualcuno pensi, o sostenga, la Juventus non meritava di essere umiliata dal Real con quel secco 3-0 che la sbatte praticamente fuori ancora una volta dalla Champions.
I bianconeri hanno tenuto  per buona parte dell’incontro le redini della partita in mano, ma nulla hanno potuto fare contro un giocatore praticamente inarrestabile, Cristiano Ronaldo, portoghese di Funchal, capoluogo dell’isola atlantica di Madeira.
Hai voglia a sostenere che in uno sport di squadra un giocatore non può fare la differenza! Nel caso di questo Real Madrid, l’assioma non è valido.
Ronaldo la differenza la fa e come! La palla del calcio è rotonda , ma con CR7 (una sigla che sta per Cristiano Ronaldo maglia n. 7), essa diventa ovale come quella del rugby.  Lui la gestisce a piacimento con una atleticità che ha dell’incredibile.
Secondo i calcoli fatti in Italia e Spagna, per la rovesciata ultra acrobatica del 2-0 madrilista, il suo piede destro ha impattato la sfera a 2,37 metri. I pali di una porta di calcio sono alti 2,44. Il record del mondo di salto in alto ad 1,45 m.  l’ha realizzato 25 anni fa il cubano Javier Sotomayor.
La fucilata del tiro che ne è scaturito, imbattibile. Ed ha lasciato sbigottito  Buffon la cui prima reazione – da quel grande uomo di sport che è – è stata quella di felicitarsi con un avversario che l’aveva prescelto  come co-protagonista del più bel goal della storia.
Un bellissimo viatico per un portiere “mondiale”, come il suo rivale portoghese, che si accinge a salutare definitivamente lo sport praticato.
All’applauso di Buffon ha fatto, poi, seguito la standing ovation dell’intero stadio convinto di essere testimone di un evento sportivo storico, alla faccia della sconfitta!
La disputa su chi è  (o è stato) il più grande al mondo, non finirà mai. È opinione diffusa, sulla base (discutibile) dei Palloni d’oro conquistati (discutibili) è che attualmente la contesa sia fra l’argentino Messi ed, appunto Ronaldo che con la doppietta di ieri a Torino ha portato il suo score in Champions sulle 14 reti in 9 partite.  Più di un gol e mezzo a partita. Un record impareggiabile.
Ma l’attribuzione della palma del “migliore” non può essere assegnata sulla base dei gol, perché allora significherebbe tagliare fuori tutti quelli che giocano lontano dalle aree di rigore avversari, partendo dal portiere! Esempio: il mitico Buffon non ha mai preso il “Pallone d’Oro”.
Inoltre il rendimento di un calciatore (anche e soprattutto attaccante) è legato alla forza e al gioco della squadra. E’ su questo parametro che va giudicato un calciatore. 
Messi è un fenomenale realizzatore che finalizza il gioco di una squadra come il Barcellona costruita da anni per sfruttare al massimo le sue qualità ed il suo talento tecnico, mentale ed atletico.
Il Barcellona articola le proprie manovre per far sì che a Messi arrivino determinati palloni in determinate situazione di gioco e di campo dove lui può diventare inesorabile. Quando  gioca con la Nazionale argentina, il suo rendimento, infatti, cala.
Invece gli acuti frequentissimi di  di Rolando non seguono alcun canovaccio. Sono esplosioni tecnico-atletiche che scaturiscono improvvise ed implacabili. Dietro di lui la squadra si limita alla normale amministrazione che, comunque, per quanto riguarda il Real,  è ad altissimo livello. Ronaldo  un Lupo Solitario che si aggira nell’area avversaria, in attesa di captare la minima occasione per assaltare Cappuccetto Rosso.
Le sue qualità sono una fame agonistica da predatore, una tecnica sopraffina, una coordinazione perfetta  accompagnata da una potenza esplosiva che lo farebbe campione in qualsiasi disciplina.
Ma ieri allo Juventus Stadium c’era anche un terzo potenziale Pallone d’Oro. Un giocatore di stampo assai diverso dai due di cui sopra e non solo perché assai più giovane.
Il suo apporto alla squadra è costante. Non è limitato alla fase conclusiva. Di reti ne segna tante anche lui, e decisive per la Juve. Ma altrettante sono quelle che fa realizzare ai compagni, e segnatamente ad Higuain, nonché  le punizioni dal limite trasformate da lui e da Pianic in altri gol.
Ha assorbito da un guerriero come il croato Mandzukic, a combattere ed essere presente in ogni zona del campo pur con un fisico normotipo. Una generosità che ieri gli è costata il cartellino rosso (assolutamente frettoloso) per  un gioco pericoloso.
Insomma, Dybala si sta rivelando realizzatore come pochi, ma soprattutto uomo-squadra in una squadra che comincia a mostrarsi assai lacunosa specie in difesa, dove il ricorso alla vecchia guardia (purtroppo pare assimilata anche dalla nuova Nazionale di Di Biagio) ieri si è dimostrato disastroso. 
Senza le “assenze” e gli svarioni di Barzagli e di Chiellini (in occasione delle due reti di Ronaldo), la Juventus a trazione Dybala sarebbe uscita dallo Stadium con un diverso risultato: Ronaldo volente o dolente.
Il giocatore portoghese, infatti, non ha mancato di ringraziare il pubblico per una serata davvero  unica ed indimenticabile.
La Juventus di nuovo si allontana dal Trofeo Europeo. Paga il dilemma mai risolto: Campionato o Coppa?
La forza per battersi per tutte e due (tre con la Coppa Italia) è evidente non l’ha. Basta pensare che per la partita più importante di tutto l’anno, Allegri, per la squalifica di Pianic,  ha dovuto improvvisare in cabina di regia il ventenne, inesperto, uruguayano Rodrigo Betancur!
L’impressione è che la Società degli Agnelli, mai anteporrà la Champions al Campionato.
Al popolo juventino sparso in ogni angolo della penisola, specie al Sud, infatti interessa più la supremazia locale italiana (che dura dieci mesi)  che la breve e saltuaria competizione europea.
Back to top button