Calcio

Serie A – La Lazio torna al successo: Parma – Lazio 1-2 – PAGELLE LAZIO

Dopo tre partite senza vittoria, i biancocelesti vincono al Tardini e tornano a sperare nel Terzo Posto

anderson-felipe-ss-lazio-2014

Parma, 7 dicembre – Sul campo di un Parma appena ceduto dal Presidente Gherardi ad una cordata russo-cipriota, la Lazio si impone in rimonta per 1-2. Nel primo tempo gli emiliani passano con Palladino, salvo farsi riprendere in pieno recupero da Stefano Mauri. Decisivo, nella ripresa, il gol laziale di Felipe Anderson. La Lazio sale a quota 23 punti, avvicinandosi al Terzo Posto occupato dal Genoa a quota 26.

PAGELLE LAZIO:

Marchetti: 6 – Gioca una partita sicura nelle uscite, mentre non può nulla sul gol del Parma e non viene mai impegnato con tiri insidiosi.

Basta: 6,5 – Finalmente torna ad offrire una prestazione degna di lui sulla fascia destra: ok in copertura, sempre presente e pericoloso in fase di spinta.

de Vrij: 6 – Gioca una partita molto sicura e sfiora anche il gol dell’1-0, ma ha qualche responsabilità sul pur bellissimo gol del Parma: la marcatura su Palladino era sua.

Radu: 6 – Prima discreto da centrale, pur soffrendo un po’, poi torna più a suo agio sulla fascia sinistra, dopo l’infortunio di Braafheid.

Braafheid: 6 – Grande presenza sulla fascia sinistra e buona copertura, ma non è davvero giornata per il suo sinistro.

dal 36′ Cana: 6,5 – Entra per Braafheid, si piazza in posizione centrale ed offre una prestazione molto concreta vicino a de Vrij.

Parolo: 5,5 – Gioca la partita da ex e, forse, proprio per questo è un po’ condizionato nelle giocate. Non è preciso come al solito nella costruzione, e prende un giallo che gli costerà la presenza contro l’Atalanta.

Biglia: 7 – Ennesima, splendida partita del Principito. Colpisce una traversa su punizione, realizza un gol di testa che gli viene tolto solo dal compagno Mauri ed impartisce una lezione tecnica, a centrocampo, di livello pregiatissimo. E’ indubbiamente uno dei registi migliori della Serie A, forse il primo, insieme a Borja Valero, dopo Andrea Pirlo.

Lulic: 6 – Prima da centrocampista centrale e poi da esterno, gioca la solita partita di concretezza e fatica. Si rivela una pedina sempre preziosa per lo scacchiere tattico di Pioli.

Felipe Anderson: 7 – Tecnicamente di livello superiore, sfrutta al meglio l’occasione di sostituire Candreva. Svaria su tutto il fronte offensivo e si dimostra sempre pericoloso per la difesa del Parma, fino a che realizza il gol dell’1-2 su assist di Djordjevic.

dal 72′ Keita: 6 – Movimenta la manovra offensiva laziale.

Djordjevic: 6,5 – Grande fisicità e dinamismo, come al solito, ed un preziosissimo assist a Felipe Anderson per il sorpasso della Lazio ai danni dei padroni di casa. Se continua a giocare così, a Klose non basterà lamentarsi per avere un posto da titolare.

dal 77′ Klose: 6 – Entra per far respirare la Lazio e tenere alto il pallone, con Djordjevic ormai esausto. Riesce, nei minuti che gli vengono concessi, nel suo scopo.

Mauri: 6 – La posizione di esterno d’attacco non pare proprio la più congeniale al capitano biancoceleste. Realizza il gol del pari togliendolo a Biglia, per il resto gioca una partita un po’ anonima.

All. Pioli: 6,5 – La Lazio torna al successo su un campo considerato “facile” solo per chi non ha guardato le ultime, coraggiose partite del Parma. Giusta al decisione di far giocare, nonostante le lamentele di Klose, Djordjevic unica punta dello scacchiere biancoceleste.

Back to top button