Calcio

Serie A. Solo 0-0 del Milan in casa del Chievo

donadoniVicenda Parma: “Siamo come carogne nel deserto” dice Donadoni. Il Sindaco Pizzarotti: “Il 19 potrebbe essere decretato il fallimento”. Partite ed orari della 25° giornata.

Roma, 28 febbraio – Una traversa di Honda e due occasioni per il Chievo, con Schelotto e Paloschi. Tutta qui la gara tra i veronesi e il Milan, che non va oltre lo 0-0 aVerona contro i clivensi.
 
Come accadrà per le altre gare del 25° turno anche Chievo-Milan è iniziata con 15 minuti di ritardo in segno di solidarietà verso i colleghi del Parma, che hanno ottenuto il rinvio della gara di Marassi contro il Genoa.
 
Durissimo mister Donadoni: “Non giochiamo perché qualcuno deve prendersi la responsabilità di tutto quello che è successo, non ho visto nessuno che ha detto di avere delle colpe, di aver commesso qualche errore. I responsabili di questa società sono stati messi nelle condizioni di poter operare in un certo modo. Sono stanco di vedere che si cerca di mettere qualche toppa, è arrivato il momento di guardarci negli occhi e intervenire in maniera forte e radicale. Non può andare avanti così, per far sì che certe cose non si ripetano, bisogna che dall’alto ne prendano coscienza. Io ho raccolto la solidarietà dell’Aic e dell’Aiac. Di solidarietà, invece, ne è arrivata pochissima da chi sta fuori dal campo ed è questa la delusione più grande. Ora siamo abbandonati a noi stessi. Siamo come carogne nel deserto, con gli avvoltoi che ci girano intorno”.
 
Intanto il Sindaco di Parma Pizzarotti indica la scadenza fatidica: “Il futuro del club è legato ad una data:il 19 marzo potrebbe essere certificato il fallimento della società. Al di là delle dichiarazioni d’interesse, tutti stanno alla finestra in attesa delle decisioni del tribunale.Credo che l’interesse ci sarà, soprattutto se si dovesse ripartire dalla Serie D le cifre sarebbero completamente diverse”.
Se il Parma non sarà messo in condizione di tornare a giocare verranno dati i tre punti a tavolino a tutte le avversarie che dovrebbe incontrare, con buona pace della regolarità del campionato. Checché ne dicano molti, infatti, partire con 20 squadre e finire con 19 perché una se ne perde per strada per debiti altera gli equilibri del torneo. Altro che storie! E speriamo che nessuno debba perdere qualche traguardo (scudetto, Europa o salvezza) per soli tre punti. Quelli guadagnati da qualche avversario a tavolino contro il Parma.
 
Il programma della 25° giornata:
Domenica 1 marzo: 12.45 – Cagliari-Verona; 15.15 Atalanta-Sampdoria; Cesena-Udinese; Palermo-Empoli; Sassuolo-Lazio; 18.15 Inter-Fiorentina; 21.00 Torino-Napoli
Lunedì 2 marzo, ore 21.00 – Roma-Juventus
Genoa-Parma rinviata a data da destinarsi.
Tags
Close