Calcio

Coppa Italia – La Lazio espugna Napoli e vola in Finale

lulic lazio napoli 2015La squadra di Pioli batte ed elimina il Napoli con uno 0-1 nella Semifinale di ritorno di Tim Cup

Napoli, 8 aprile – La Lazio supera il Napoli a domicilio, per 0-1, e si guadagna il diritto a giocarsi la Finale di Tim Cup contro la Juventus. Decide l’incontro il gol di Senad Lulic all’80’, bravo ad insaccare un assist dalla destra di Felipe Anderson. 

Grazie proprio alla prossima Finale di Tim Cup, la Lazio s’assicura anche il ritorno in Europa, dopo appena una stagione d’assenza.

PAGELLE LAZIO

Berisha: 7 – Sempre reattivo tra i pali, trasmette grande sicurezza alla squadra anche in uscita, sia alta che con i piedi. Decisamente all’altezza nel suo ruolo di vice-Marchetti.

Basta: 7 – Spinge con continuità sulla destra, ma riesce anche in un paio di interventi in copertura di grandissimo livello. La vittoria della Lazio è, certamente, in gran parte merito sua.

de Vrij: 7 – Magistrale nel suo ruolo di perno della difesa biancoceleste. Sempre in anticipo sui palloni alti, è molto attento anche nell’uno contro uno.

Mauricio: 6,5 – Leggermente meno preciso del compagno di reparto, si fa comunque apprezzare con una prestazione volenterosa e priva di grosse sbavature.

Braafheid: 5,5 – Soffre maledettamente la spinta dei Napoletani. In fase offensiva sbaglia un paio di palloni invitanti.

Dall’83’ Cavanda: s.v.

Parolo: 7 – Protagonista di una prestazione di altissimo livello nel centrocampo biancoceleste. Fa da molla tra centrocampo e attacco, recuperando palloni e salendo con grande intensità a proporsi per gli inserimenti in area napoletana.

Biglia: 7,5 – Poche volte è capitato di osservare un regista capace di regalare anche tutta questa intensità alla propria squadra. Biglia sbaglia pochissimi palloni, e riesce a recuperarne davvero tanti. Giocatore completissimo.

Cataldi: 6,5 – Sempre più all’altezza del ruolo da titolare che Pioli gli sta cucendo addosso. Intensità e piedi buoni, proprio come richiesto a chi deve interpretare il ruolo di centrocampista nella creatura di Tare e Lotito.

dal 56’ Mauri: 6,5 – Il suo ingresso segna il passaggio al 4-2-3-1 che poi permetterà a Lulic di inserirsi e di firmare il gol della vittoria. Agisce da mezzapunta o da falso nove, scambiandosi di posizione con Klose e non lasciando punti di riferimento ai difensori del Napoli.

Candreva: 6 – Era in dubbio per una condizione fisica non proprio ottimale, ed il rischiarlo titolare non lascia a Pioli i risultati sperati. Partita discreta, ma non all’altezza delle sue capacità. Esce per Lulic, e sarà il cambio decisivo per l’esito del match.

dal 68’ Lulic: 7,5 – Entra e cambia la partita, prima realizzando il pesantissimo gol dello 0-1 e poi salvando un tiro-cross di Insigne che avrebbe portato al pari Callejon. Decisivo, forse come nessun altro, nelle Tim Cup della storia laziale.

Klose: 6,5 – Impegno e grosso lavoro di squadra, con praticamente nessuna occasione da gol, per il panzer tedesco. Riesce, comunque, nel dare una bella mano ai suoi compagni e nel non sbagliare quasi mai i palloni giocati.

Felipe Anderson: 7 – Sottotono per almeno un’ora di partita, si accende quando esce Candreva e può spostarsi a destra, liberandosi della pesante marcatura di Maggio. Inventa, saltando almeno due giocatori del Napoli, l’assist decisivo per il gol di Lulic.

All. Stefano Pioli: 7,5 – Sette vittorie di fila in Serie A, una Finale di Tim Cup da giocare in casa ed il tanto agognato ritorno in Europa già guadagnato ad inizio Aprile: Allenatore dell’Anno, probabilmente, per una Serie A che non è più sicura di riconoscergli migliore nemmeno Massimiliano Allegri.


Giovanni Sidoni

Back to top button