Calcio

Serie A – Disastro Lazio, il Cesena torna a sperare – PAGELLE LAZIO

 
Klose lazio 2015Nella peggiore prestazione della stagione in corso, la Lazio si fa inaspettatamente battere dal Cesena per 2-1
Cesena, 1 febbraio – La peggior Lazio del 2014/5 esce con le ossa rotte dal Manuzzi di Cesena. Decidono, nel 2-1 finale a favore dei romagnoli, i gol di Defrel (splendido tiro da fuori area) e l’autorete di Danilo Cataldi, con Miroslav Klose a riaccendere nel finale le speranze dei biancocelesti.
PAGELLE LAZIO
Marchetti: 6,5 – Riesce a tenere in gioco la Lazio in almeno un paio di occasioni su Defrel, volando letteralmente su un gran tiro da fuori ed opponendosi, nel primo tempo, nell’uno contro uno con l’attaccante del Cesena. Nulla può né  sul primo gol dei romagnoli, né sul fuoco amico che lo batte nel secondo.
Basta: 5 – Inizia a spron battuto, poi cala vistosamente e si rende protagonista di una prestazione opaca e fortemente imprecisa. Soffre maledettamente la pressione di Renzetti.
Mauricio: 5,5 – Un po’ impreciso, combatte uno scontro tutto fisico con Defrel e Djuric. In occasione del secondo gol del Cesena è un po’ morbido, ma l’azione è viziata da un fallo proprio su di lui.
Cana: 6 – Prova a guidare la difesa della Lazio anche senza il fido compagno di reparto de Vrij. Ci riesce a sprazzi, non risultando stilisticamente bello, ma comunque efficace.
Pereirinha: 5 – Poca spinta e pochissime sovrapposizioni sulla fascia sinistra; la sua prestazione risulta, nel complesso, abbastanza anonima. Esce per un fastidio muscolare nel secondo tempo.
dal 25′ s.t. Cavanda: 6 – La fascia è quella sinistra ed il piede non è il suo preferito, come però non lo è per Pereirinha. Lui, almeno, ci mette tanta corsa.
Parolo: 5 – Partita anonima, priva dei suoi proverbiali inserimenti e con giusto una gran conclusione da fuori area. Per il resto, anche lui è vittima dell’imprecisione generale di giornata del centrocampo biancoceleste.
Ledesma: 4,5 – Biglia, inutile negarlo, da decisamente tutt’altra regia ad una squadra che risulta oggi imbrigliata, spenta e poco lucida. Chi dovrebbe accendere la luce è proprio Ledesma: non ci riesce, però, praticamente mai.
dal 30′ s.t. Keita: 6 – Entra largo sulla sinistra e prova a mettere in mezzo qualche pallone utile per le punte biancocelesti. Lo fa a sprazzi, ma non viene nemmeno cercato con la giusta continuità.
Cataldi: 5 – Peccato dover bocciare un giovane talento del calcio italiano; in occasione della partita di oggi, però, la prestazione del campioncino della Primavera laziale è davvero negativa. Decisivo a favore del Cesena con il maldestro autogol che condanna i biancocelesti, in precedenza aveva già sbagliato un gran numero di giocate.
Candreva: 4,5 – Simbolo della giornata-no della Lazio. Il più talentuoso dei giocatori biancocelesti non azzecca praticamente nessuna giocata, servendo poco le punte e concludendo più volte in modo morbidissimo addosso al portiere romagnolo Leali.
Klose: 6 – Non si vede praticamente mai, fino al bellissimo gol che riaccende le speranze laziali nel finale di partita.
Mauri: 5 – Come per gli altri membri del tridente d’attacco biancoceleste, gioca una partita in ombra e decisamente poco precisa. Esce nel finale per far posto alle due punte centrali, concedendo i primi minuti della nuova esperienza laziale del giovane Perea.
dal 40′ s.t. Perea: s.v.
All. Stefano Pioli: 5 – Il numero clamoroso di assenze giustifica solo in parte la prestazione più brutta di questa stagione biancoceleste. Male tutti i reparti, con del tutto assente la catena di gioco sulle fasce che aveva reso, fino a questo momento, il gioco della Lazio uno dei più divertenti del nostro campionato.
Back to top button