Champions Legue – Ritorno quarti. Roma caput mundi!

0
119
calcio roma barcell
calcio roma barcellUna Roma grandissima batte 3-0 il Barcellona e lo elimina dalla Champions. Giallorossi in semifinale dopo 34 anni!
Roma, 10 aprile 2018 – È meravigliosa la notte dei 60.000 dell’Olimpico e di 13 uomini eccezionali in maglia giallorossa, che eliminano la squadra più forte del mondo dalla Champions e riportano la Roma a disputare una semifinale dopo 34 anni.
L’ultima volta fu nel 1984, in quella Coppa dei Campioni che poi perse in casa, ai rigori, contro il Liverpool, che c’è anche stavolta, perché stasera ha eliminato il Manchester City (sconfitta per 2-1 a Manchester dopo la vittoria per 3-0 ad Anfield).
La rimontona (chiamiamola all’italiana, altro che “remuntada” alla spagnola) ha tanti padri. Di Francesco, che fa giocare alla Roma la partita tatticamente perfetta: 3-5-2 iniziale con Schick vicino a Dzeko in fase offensiva che diventa 5-3-2 in fase difensiva. De Rossi, che è un capitano vero, trascinatore, entusiasmante nell’assist dell’1-0 di Dzeko (6’) e nel rigore del 2-0 che segna al 52’ dopo che lo stesso Dzeko se lo era procurato su Pique. Manolas, che insieme a Fazio non fa muovere Suarez, imbriglia Messi e che poi segna il gol della qualificazione (colpo di testa su angolo di Under all’82’). E Dzeko, l’immenso Dzeko di questa sera. Uno dei più forti centravanti del mondo e della storia della Roma. Uno che si carica la squadra sulle spalle, lotta su ogni pallone, non ne perde uno, segna l’1-0, si procura il rigore del 2-0 e fa vedere i sorci verdi a quel Barcellona che aveva punito anche all’andata. E quanto si è rivelato importante quel gol ai fini della meritatissima qualificazione della Roma si è visto stasera. E poi tutti gli altri: Florenzi e Kolarov che hanno spinto come stantuffi sulle fasce, Strootman Nainggolan che si sono spompati in tutto il campo, Schick, finalmente all’altezza della situazione. Ed El Shaarawy e Under, entrati nel secondo tempo e decisivi anche loro.
Grazie Roma, sei stata immensa. Hai giocato la partita perfetta, la migliore che hai fatto negli ultimi dieci anni. Altrimenti non si eliminano i migliori del mondo. E grazie anche a nome del calcio italiano, che negli ultimi anni aveva sempre avuto la peggio con gli spagnoli e che stasera, invece, grazie a te, li ha rispediti a casa con le pive nel sacco. Oggi Roma è tornata Caput Mundi!
E domani sera Real Madrid-Juventus (20.45), in cui si riparte dalla vittoria per 3-0 degli spagnoli a Torino. Per passare, la Juve deve vincere con 4 reti di scarto a Madrid.