Calcio

Serie A – Genoa-Torino è già decisiva per Giampaolo

Domani, alle 17.00, verrà recuperata Genoa-Torino. La panchina di Giampaolo è già a rischio.

Roma, 3 novembre 2020 – Eccola qua Genoa-Torino, la partita che non c’è stata alla terza giornata di campionato in quanto rinviata per l’epidemia di Covid che ha travolto il Genoa.

Una gara che potrebbe essere già decisiva per il futuro di Giampaolo sulla panchina del Torino.

Un solo punto in 5 partite e l’ultimo posto in classifica insieme al Crotone potrebbero portarlo all’esonero nel caso in cui arrivasse una nuova sconfitta.

Per di più in quello stadio, il “Ferraris”, nel quale si è affermato alla guida della Sampdoria e contro quel Genoa che, in quegli anni, ha avuto come fiero rivale cittadino.

Un Genoa che è parso rinfrancato dall’1-1 nel derby e che è intenzionato a interrompere la recente serie negativa casalinga con il Torino, che ha vinto tutte le ultime tre partite giocate al “Ferraris”.

L’ultimo successo del Genoa in casa con il Torino risale al 2017. Poi più nulla.

Ma stavolta al Torino mancherà probabilmente Belotti, costretto a dare forfait per un infortunio riportato contro la Lazio.

Mentre al centro dell’attacco del Genoa ci sarà l’uomo-derby, Scamacca. Il giovane centravanti scuola-Roma che ha segnato l’1-1 contro la Sampdoria.

Su di lui ha già messo gli occhi il Ct della nazionale Mancini, che in caso di forfait dei suoi attaccanti abituali potrebbe convocarlo per l’amichevole ormai imminente con l’Estonia.

Insieme a Scamacca, ma nel suo abituale ruolo di centrocampista, nelle file rossoblu agirà un altro ragazzo molto interessante: Rovella (nella foto).

Nato genoano, cresciuto nel settore giovanile del Genoa, si è imposto in questa prima parte del campionato come una delle sorprese più belle del torneo.

Capelli biondi, moto perpetuo, tanti palloni recuperati e il cuore sempre oltre l’ostacolo. Si vede che gioca per la squadra della quale è da sempre tifoso.

E poi, al suo arco, il Genoa ha anche una freccia in più: lo spirito di corpo che è nato e si è cementato tra i giocatori proprio dopo che il Covid li ha travolti.

Come ha sottolineato il tecnico, Maran, dopo il derby: “Stiamo tirando fuori il massimo in ogni gara. Basta rientrare negli spogliatoi alla fine delle partite per vedere quanto sono stremati i ragazzi, perché danno sempre tutto”.

Si, abbiamo proprio l’impressione che Genoa-Torino di domani sarà una partita da non perdere!

Back to top button