Calcio

Calciomercato. Campioni e bidoni

valdifioriAnche quest’anno il calciomercato ci sta portando una marea di stranieri. Ma valgono tutti il prezzo che costano?

Roma, 1 agosto – Rifacendoci ad un bel libro pubblicato anni fa da un editore amico purtroppo prematuramente scomparso, Francesco Campanella, abbiamo titolato questo articolo “Campioni e bidoni”.

In un momento come questo, caratterizzato dal calciomercato, le società, i loro direttori sportivi e i tifosi sono tutti convinti di prendere il Maradona, il Falcao o il Platini di turno. Purtroppo, a stagione in corso, la maggior  parte di loro si accorge di aver puntato sull’ennesimo brocco della storia del nostro calcio.

In quel libro si narravano le storie dei primi stranieri arrivati in Serie A dopo la riapertura delle frontiere del 1980, ricordando, accanto ai campioni succitati, anche i vari Luis Silvio, Fortunato, Andrade, Renato e compagnia cantante che fecero solo spendere soldi alle squadre italiane senza valerli davvero.

Oggi, nel calciomercato del 2015 caratterizzato dai giocatori che hanno il cognome che finisce in “ic”, stiamo assistendo ad una balcanizzazione del nostro campionato, chissà poi con che esiti.

Da sempre, infatti, i calciatori slavi (cioè quelli provenienti dalla ex Jugoslavia) sono forti e incostanti, difetto, quest’ultimo, che ha impedito alle loro nazionali (e prima alla stessa Jugoslavia) di vincere quanto avrebbero potuto. E poi, accanto a gente di livello come Pjanic, Jovetic (appena riportato in Italia dall’Inter), il possibile giallorosso Dzeko (ma arriverà?) e l’eventuale nerazzurro Perisic, c’è un’infinità di carneadi tutti da scoprire.

Alla fine stai a vedere che il vero affare del 2015 lo ha fatto il Napoli con Valdifiori, un  italianissimo regista di tutto rispetto che è arrivato nel calcio che conta solo a 29 anni e con il piccolo Empoli perché, come è capitato e capiterà a molti dei suoi connazionali, prima ha trovato la strada chiusa dallo straniero di turno. Dal nome altisonante ma dal rendimento deludente.  

Back to top button