Calcio

Amichevoli horror, Juve e Milan ci rimettono la faccia

Calcio d’estate ricco di sorprese nei primi test stagionali: il Milan si fa sommergere dall’Olympiacos (3-0), la Juve fa addirittura peggio facendosi battere dai dilettanti del Lucento

ROMA- E’ calcio d’estate e va preso comunque con le pinze, per carità, ma vedere il Milan soccombere con un netto 0-3 contro i greci dell’Olympiacos, nell’esordio della competizione amichevole della Champions Cup, non può che fare notizia. La squadra di Inzaghi, nella prima partita di questo trofeo estivo, ha evidenziato a Toronto limiti preoccupati, soprattutto in fase difensiva. Ad un Bonera decisamente non in condizione ha fatto eco un Albertazzi ancora non all’altezza della titolarità, mentre sulla mollezza di Abate bisognerebbe aprire un capitolo a parte. Il centrocampo ha costruito poco, con un Poli costretto a farsi in quattro in fase di recupero, un Cristante non ancora in forma ed un Saponara poco incisivo; l’unica nota positiva arriva dall’attacco (e questo non può che essere un eufemismo per una squadra che non ha segnato nemmeno un gol), con il giovane Niang decisamente in palla e volenteroso di stupire l’allenatore, anche se in modo un po’ confusionario. In ribasso El Shaarawy, con come conseguenza logica un Pazzini decisamente poco coinvolto nel gioco. I greci, dal canto loro, hanno mostrato una superiorità di condizione e di gioco, con il terzo, spettacolare gol di Bouchalakis che è stato una simbolica ciliegina sulla torta, un timbro definitivo che ha sancito una sconfitta netta ma forse troppo larga per la squadra di Inzaghi.

Se Atene piange ,però, Sparta certamente non ride: la prima amichevole della Juventus è stata addirittura peggiore di quella Milan, con la squadra di Allegri che si è fatta sconfiggere per 3-2 dai dilettanti del Lucento. Gli avversari dei bianconeri sono una squadra che milita nella quinta divisione del calcio nostrano, il Campionato di Eccellenza, e la vittoria sui Campioni d’Italia ha il sapore di quelle incredibili partite di FA Cup che vedono i team di categorie di secondo piano eliminare avversari di ben altro blasone. Dopo aver ribaltato la realizzazione del lucentino Coppo con una doppietta di Llorente, i bianconeri si sono fatti raggiungere e superare, nel finale di partita, da Cavazzi e Cretazzo, non proprio Zidane ed Henry insomma. Inutile, per la Juve, il palo a tempo scaduto del nuovo acquisto Pereyra. La prima amichevole del corso Allegri porta così un piccolo shock in casa Juventus, con i bianconeri che erano scesi in campo sì senza gran parte dei titolari ,ma nemmeno con la squadra Primavera: da Tevez a Llorente passando per Ogbonna e per lo stesso Pereyra, più di un giocatore che sarà protagonista della prossima stagione era in campo nel match dello Juventus Center. C’è poco da stare Allegri in questo avvio di stagione bianconero, insomma, almeno fino all’arrivo della forma migliore.

Giovanni Sidoni

Back to top button