Sport

Olimpiadi di Tokyo 2021 – Italia iniziato con il Softball. Quando iniziano, atleti partecipanti, obbiettivi Italia

Decide Italia-Australia domani.

Roma, 21 luglio 2021 – I Giochi della XXXII edizione delle Olimpiadi moderne di Tokio, sono partiti oggi all’insegna dell’eccellente contributo agonistico offerto dalle azzurre contro gli USA, in uno sport esotico che più non si potrebbe.

Il Baseball-Softball dove il più forte si impone con vistosi scarti di punti come è accaduto nella gara di apertura del torneo fra Giappone ed Australia, terminata 8-1 per le nipponiche.

Fino al quinto inning (ripresa), infatti le italiane avevano inchiodato gli US sullo 0-1. Ed erano perfettamente competitive con la modenese Erika Piancastelli emergente in assoluto fra tutte le 18 in campo..

È soltanto a due riprese dal termine che un passaggio difensivo della Longhi risultava inadeguato dando il là allo 0-2.

L’ingresso in campo come lanciatrice della 18 enne Alexia Lacatena (in luogo di Greta Cecchetti) risultava, allora, decisamente positivo ma non sufficiente al recupero di un passivo di due punti.

Certamente, però, utile allo schieramento azzurro in prospettiva del determinante match di domani contro l’Australia.

La sconfitta, di misura, contro gli USA non modifica in nulla le prospettive italiane in questa disciplina inserita nel programma olimpico soprattutto per fare un favore al Giappone.

Perdere era, infatti, ampiamente nelle attese.

Il minitorneo olimpico del softball interessa soltanto sei paesi: 3 nord-americani (Usa, Canada e Messico),il Giappone paese organizzatore , l’Italia campione d’Europa e Australia.

Girone all’Italiana: prima e seconda che si disputano l’oro. Terza e quarta che si giocano il bronzo.

Il Giappone stamani all’alba ha sconfitto l’Australia per 8-1. L’Italia ha impegnato severamente gli Usa. Inoltre, alla vigilia ha affrontato due volte la squadra di Massima Serie Honda Reverta Tachigi, superandola per 4-2- e 2-1.

Può, dunque battersela nello scontro diretto con il Giappone. Molto si decide domani contro l’Australia. Un avversario storicamente arduo nei precedenti azzurri non recenti.

Quel che è piuttosto indicativo rimane, però, la pesante sconfitta australiana di stamani a Tokio.

Dunque le ragazze di Bollate – e dintorni lombardi – hanno ancora le carte in regola per aspirare alle prime quattro posizione in classifica ed a quello che ne consegue.

L’Italia, infatti, ha fatto tremare le statunitensi fino al penultimo inning, in una disciplina tutta americana praticata negli Stati Uniti da oltre 9 milioni di fanciulle.

Il Giappone, dal canto suo, lo ha assimilato fin dai tempi dell’occupazione americana al termine della Seconda Guerra Mondiale. Non solo, ha poi anche eletto il Baseball-Softball sport nazionale con circa 2 milioni di praticanti.

In qualche maniera, le Olimpiadi sono, dunque, partite. Domani alle 13 in diretta mondiale la Cerimonia di apertura e la sfilata degli atleti

Non ci saranno le azzurre del softball impegnate dalla 08,00 italiane, contro l’Australia.

L’avventura olimpica è partita ma non è ancora detto che giungerà a conclusione.

Il Presidente del Cio, Thomas Bach, e il Premier nipponico, Yoshihide Suga, si sforzano di tranquillizzare e rassicurare tutti sulla situazione contagi.

Ma il Presidente del Comitato Organizzatore, Toshido Muto, continua a sostenere che il blocco potrebbe avvenire anche last-minute se la bolla costituita attorno ai Giochi presentasse vistose crepe.

Si va avanti dunque con un grosso punto interrogativo incombente.

Mentre viene confermata la notizia che Paola Egonu – la leader della squadra femminile italiana di pallavolo – è stata scelta per essere uno dei cinque atleti che alla cerimonia di apertura, terranno tesa la bandiera olimpica.

Sotto mille le persone che avranno accesso agli spalti per seguire dal vivo tutta la Cerimonia della fiaccola, l’accensione, la sfilata, il giuramento degli atleti, i discorsi del Presidente del Cio, alla presenza dell’Imperatore, lo spettacolo suggestivo a base di luci e colori.

 

Giacomo Mazzocchi

Giacomo Mazzocchi, giornalista professionista, è stato capo redattore di TuttoSport, capo della redazione sportiva di Telemontecarlo, direttore della comunicazione della Federazione Mondiale di Atletica Leggera e direttore della comunicazione della Federazione Italiana Rugby. Vanta una vasta esperienza suddivisa fra giornalismo scritto e video con direzione e gestione di giornali, pubblicazioni, redazioni televisive, telecronache, conduzioni e partecipazione televisive. Cura l'organizzazione e produzione tv di eventi e uffici stampa
Back to top button