Medicina

Potrebbe essere l’aspirina liquida la nuova arma contro il tumore al cervello

tumore cervelloRoma, 30 giugno – Alla conferenza ‘Brain Tumors 2016’ di Varsavia, è stato presentato uno studio condotto dall’Università inglese di Portsmouth, secondo il quale l’aspirina in forma liquida, in una speciale versione denominata ‘IP1867B’ con due ingredienti aggiuntivi (non rivelati), potrebbe essere la nuova arma per combattere il tumore al cervello, in particolare una delle forme più diffuse e aggressive rappresentata dal glioblastoma.

Sviluppare l’aspirina in forma liquida è  sempre stato un obiettivo importante in quanto quelle solubili, finora disponibili, non sono veramente tali contenendo granuli che possono provocare effetti collaterali a livello gastrico. La nuova formulazione invece, raggiunta in collaborazione con una piccola start up di Manchester, ha la capacità di attraversare la barriera del sangue nel cervello che serve a proteggerlo ma al tempo stesso può impedire ad alcuni farmaci di raggiungere il tumore e sconfiggerlo.

Secondo lo studio, l”IP1867B’  sembra essere dieci volte più efficace della chemio nell’uccidere le cellule tumorali e testato su cellule tumorali di adulti e bambini con glioblastoma, si è rivelata più efficace di ogni combinazione di farmaci attualmente in utilizzo ma senza danneggiare le cellule sane. Ora si dovrà attendere l’esito di  ulteriori test, ma tutti e tre gli ingredienti sono stati autorizzati per uso umano.

Il Daily Mail scrive che gli studiosi hanno già iniziato ulteriori esperimenti con l’aggiunta di due elementi  chemioterapici e sono fiduciosi che i risultati possano essere ancora migliori di quelli già ottenuti.

Tags
Close