Medicina

Contagio Coronavirus: Aggiornamento del 30.03.2020

Coronavirus: dai dati forniti dal Dipartimento della Protezione Civile, aumentano contagi e guarigioni , calano decessi

Contagio Coronavirus – Questi i dati ufficiali forniti alle ore 18:00 del 30.03.2020 con il bollettino ufficiale comunicato dal Dipartimento di Protezione Civile sulla situazione della diffusione e del contagio coronavirus in Italia.

Contagio Coronavirus Covid-19: i dati delle ultime 24 ore

Il totale delle persone risultate colpite dal contagio da Coronavirus, è di 101.739. (attualmente contagiati 75.528; guariti 14.620; deceduti 11.591, dati questi ultimi da confermare quando l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso)

Attualmente, i contagiati dal coronavirus in cura sono 75.528, + 1.648, meno della metà di ieri (erano 73.880 +3.815 )

Le persone guarite dal contagio coronavirus, in totale sono 14.620, +1.590, guariti più del doppio di ieri (erano 13.030 +646)

I morti per il contagio coronavirus sono in totale 11.591, + 812, con un incremento di 56 decessi (ieri erano 10.779 +756)

Dai dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità, alla data di ieri, sono saliti a 63 i medici deceduti per il Coronavirus mentre risultano 8.358 gli operatori sanitari contagiati, 595 in più rispetto al giorno precedente.

CORONAVIRUS Osservanza Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
Mentre la stretta osservanza delle misure di rigore comincia a dare i suoi risultati, nella giornata di ieri le Forze dell’Ordine hanno denunciato 49 le persone per violazione della quarantena.
Ancora una volta, l’incoscienza, porta a non rendersi conto che contravvenendo a tale disposizione, si è diffusori del Covid-19.

BANDIERE A MEZZ’ASTA NEI COMUNI per il CORONAVIRUS
Domani, aderendo all’iniziativa lanciata dal presidente della Provincia di Bergamo, Gafforelli per i sindaci del suo territorio, Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Anci, ha allargato l’iniziativa a tutto il Paese. “Domani alle 12 noi sindaci, in tutta Italia, esporremo sulla facciata del Comune la bandiera a mezz’asta e osserveremo un minuto di silenzio. Sarà il nostro modo per ricordare le vittime del coronavirus, per onorare il sacrificio e l’impegno degli operatori sanitari, per abbracciarci idealmente tutti, per essere di sostegno l’uno all’altro, come sappiamo fare noi sindaci”.

Back to top button