Medicina

Contagio Coronavirus: Aggiornamento del 10.05.2020. Numeri di contagiati sempre più bassi. Violata quarantena. A chi fa comodo?

Nuovi contagi scesi a 800, 165 i decessi

Contagio Coronavirus Covid-19: i dati delle ultime 24 ore.

Coronavirus dai dati forniti dal Dipartimento della Protezione Civile.  Nuovi contagi scesi a 800, 165 i decessi

Contagio Coronavirus – Questi i dati ufficiali forniti alle ore 18:00 del 10.05.2020 con il bollettino ufficiale comunicato dal Dipartimento di Protezione Civile sulla situazione della diffusione e del contagio coronavirus in Italia.

Il totale delle persone risultate colpite dal contagio da Coronavirus, è di 219.070,+802
quindi -281 di ieri (218.268, +1.083)

I contagiati dal coronavirus in cura sono 83.324, -1.518 (84.842, – 3.119 ), di cui in terapie intensive 1.027, -7 (ieri 1.034, -134, in diminuzione costante da 36 giorni), ricoverati con sintomi 13.618, -216 (ieri erano 13.834, -802); in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi 68.679, -1.295 (ieri erano 69.974,-2.183)

Le persone dimesse e guarite dal contagio coronavirus, in totale sono 105.186,+2.155 (ieri 103.031,+4.008) 

I morti per il contagio coronavirus sono in totale 30.560,+ 165 quindi -29 di ieri (30.395, +194) dati questi ultimi da confermare quando l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso)

SOTTO, LO SPECCHIO PER UN RAPIDO RAFFRONTO…

Coronavirus-riepilogo 10.05.2020 - grafico di Salvatore Veltri
Coronavirus-riepilogo 10.05.2020 – grafico di Salvatore Veltri

Coronavirus Covid-19: Violata quarantena.
Ieri, comunica il Viminale, ci sono state 4 violazioni alla quarantena domiciliare.
La domanda sorge spontanea: quale reale interesse c’è dietro alla volontà di permettere il contagio? Fare cassa? Favorire case farmaceutiche? Diminuire la popolazione italiana per favorire il cambio generazionale o di razza, come vorrebbe qualcuno con incarichi importanti per evidenti interessi privati?
Non è pensabile che un presidente del consiglio, prolifero nei divieti, un ministro dell’interno competente i quali, comunque, sono affiancati da suggeritori, e nessuno di loro arriva a capire che per fermare gli “untori”, come abbiamo già scritto, trovati fuori dalle abitazioni nei controlli di polizia, per fermarli, devono essere arrestati con detenzione domiciliare. Ma questo è troppo difficile da capire per consulenti super pagati?
Tranne che, come abbiamo detto, i veri interessi non sono la salute dei cittadini …

Back to top button