Gennaio

Almanacco del 08 gennaio 2015

OGGI

Giovedì, 08 Gennaio 2015

NASCE

1587: Johannes Fabricius, astronomo

1777: Filippo Traetta, compositore

1896: Manuel Rojas Sepulveda, scrittore

1935: nascono Elvis Aaron Presley (Elvis Presley) cantante e attore 
e Jesse Garon Presley, fratello gemello del cantante nato morto

1942: Stephen Hawking, – astrofisico

1947: David Bowie, cantante, attore (UK)

MUORE

1324: all’età di 70 anni muore Marco Polo, navigatore

(alcuni testi riportano la sua morte in data 9 gennaio)

1336: all’età di circa 71 anni  muore Giotto di Bondone, pittore
(alcuni scritti riportano come data della sua morte il 12 gennaio 1336, 
altri pongono come anno della morte il 1337)

1455: all’età di 73 anni muore Lorenzo Giustiniani, santo

1642: Galileo Galilei – scienziato, muore all’età di 78 anni

1651: all’età di 56 anni Giovanni Battista Gagliano, compositore

1713: all’età di 59 anni Arcangelo Corelli, compositore

1896: all’età di 51 anni Paul M. Verlaine, poeta

1998: all’età di 93 anni Walter Diemer, l’uomo che nel 1928 inventò la gomma da masticare

ACCADDE

1598: gli ebrei vengono espulsi dalla città di Genova

1838: nel New Jersey , USA, viene spedito il primo 
messaggio telegrafico in alfabeto Morse

1848: a Pavia i soldati austriaci uccidono 10 studenti
durante una manifestazione di protesta

1884: Augustus Schultz brevetta un procedimento 
di concia della pelle in cui si utilizza il cromo

1889: Herman Hollerith  brevetta in America la prima macchina
tabulatrice (in pratica il primo computer)

1918: quello del Mississippi è il primo stato americano a ratificare il 
diciottesimo emendamento (legge sul proibizionismo)

1926: Abdul-Aziz ibn Sa’ud diventa re della regione araba di 
Hejaz e ne cambia il nome in “Arabia Saudita”

1929: realizzata la prima connessione telefonica 
tra Olanda ed India dell’Ovest

1930: la principessa del Belgio Marie-José sposa Umberto di Savoia, 
erede al trono. Maria José si distinguerà per il suo spirito di mecenate 
e per la sua avversione al fascismo e al patto con i nazisti,
una delle donne più coraggiose e libere d’Europa

1935: A.C. Hardy brevetta lo spettrofotometro

1954: a Memphis  Elvis Presley paga 4 dollari per incidere le sue 
due prime canzoni: “Casual Love” e “I’ll Never Stand in Your Way”

1958:  a Cuba le forze rivoluzionarie si impadroniscono  della capitale, Havana

1959: Charles de Gaulle diventa il quinto presidente di Francia

1989: in Giappone Akhito viene acclamato nuovo imperatore

1992: in Giappone per una visita ufficiale il presidente degli Stati Uniti 
George Bush si sente male e vomita addosso al primo ministro giapponese

1993: emesso un francobollo commemorativo con l’effigie Elvis Presley

LA CHIESA RICORDA

Santi

S. Severino

S. Alberto di Cashel, S. Apollinare C., S. Atelmo, S. Attico

Onomastica

Severino

Diminutivo di Severo.

Nome di origine latina, deriva dal latino severus, rigoroso.

Onomastico 8 Gennaio

PROVERBIO

Chi ben attende ben comprende,

chi non attende non intende

AFORISMA

Un uomo privo di istruzione è un mondo buio.

[Galileo Galilei]

DITELO CON I FIORI

Il significato di Aquilegia blu è…

·      Devo credere in te?

DIZIOGIORNO

Reziàrio

Sostantivo maschile (pl. Reziàri)

Era il nome che veniva dato al gladiatore romano che armato di
una rete e di un tridente se ne serviva per gettare
a terra l’avversario ed immobilizzarlo.

Deriva dal latino retiarius a sua volta derivato da reti, retis, rete.

TEMPO AL TEMPO

TERRA:

2009 – una scossa di terremoto di magnitudo 6.1 della Scala Richter 
colpisce colpisce il Costa Rica. 42 le vittime accertate

LATINO IN USO

Desinit in piscem. (Orazio, Ars poet., 3-4).

Finisce in pesce.

Frase latina usata comunemente a proposito di
cosa che risulti comunque inferiore alle intenzioni o a quanto
prometteva in principio.

Deriva da un passo dell’Arte poetica di Orazio (vv. 3-4): 
ut turpiter atrum Desinat in piscem mulier formosa superne, 
come se una donna, bella superiormente, terminasse in uno sconcio pesce. 
Orazio usa questo paragone per notare che l’opera d’arte 
richiede armonia e unità in tutte le sue parti.

LO SAPEVATE CHE

A causa del “blocco napoleonico” che non permetteva l’arrivo del cacao in Europa, 
i piemontesi hanno iniziato a mescolare il poco cacao che avevano con le nocciole,
creando così i gianduiotti e altri prodotti tipici della pasticceria piemontese.
Nati in una fase di penuria e necessità, sono piaciuti così tanto da essere 
richiesti anche quando il cacao è tornato ad essere disponibile.

Back to top button
SKIN:
STICKY