Menu
Calcio. Troppo Milan per lo Shkendija

Calcio. Troppo Milan per lo Shkendi…

Roma, 17 agosto 2017 - Il...

Flash - Barcellona:  furgone contro folla sulla Rambla. Ci sono morti e feriti

Flash - Barcellona: furgone contro…

(foto Ansa) Roma, 17 ago...

Calcio. Napoli: buona la prima

Calcio. Napoli: buona la prima

(foto: Ansa) Roma, 16 ago...

Brillantemente risolto il giallo delle gambe di donna  rinvenute nel cassonetto. Recuperato il corpo. Un fermo - VIDEO

Brillantemente risolto il giallo de…

Roma, 16 agosto 2017 - Ap...

Il giallo dell'estate - Due gambe di donna rinvenute in un cassonetto. Sul posto la Scientifica

Il giallo dell'estate - Due gambe d…

(foto repertorio) Roma...

Corea del Nord: alla pronta reazione di Trump, dichiara "prima di sparare osservo azioni Usa"

Corea del Nord: alla pronta reazion…

Roma, 15 agosto 2017 - or...

Burkina Faso - Strage in un locale. 17 morti e 8 feriti

Burkina Faso - Strage in un locale.…

A sparare, sospetti estre...

Calcio. Supercoppa alla Lazio

Calcio. Supercoppa alla Lazio

(foto: Ansa) Roma, 12 ...

Incendi. Arrestato un romeno diciottenne

Incendi. Arrestato un romeno diciot…

(foto repertorio) Monter...

San Lorenzo -Sonetto romano

San Lorenzo -Sonetto romano

(foto rielaborata Gio-G...

Prev Next

Atletica. Van Niekerk, il giorno della verità mondiale

atletica MakwalaRoma, 10 agosto 2017 - Un Mondiale segnato dalle sorprese a ripetizione. Ultima quella del 19 enne norvegese che ha conquistato l’oro nella gara dei 400 m ad ostacoli. Dove i superfavoriti, come il francese Lavillenie nel salto con l’asta ,  arrivano soltanto terzi.

Accade anche che un zelante funzionario impedisca ad un favorito sui 200 m. (Isaac Makwala) di scendere in pista nei 400 metri (dove vanta il secondo miglior tempo dell’anno) mettendolo per 48 ore in quarantena perché ha qualche difficoltà sul Water Closet.  

Succede, però,  anche che la IAAF,  diretta dal britannico Sebastian Coe (uno dei più grandi ottocentisti della storia assieme all’azzurro Marcello Fiasconaro), abbia la saggezza di intervenire per recuperare in qualche modo l’atleta del Botswana.

La Iaaf, non potendo ridisputare la Finale dei 400 m   - vinta alla grande da Wayde Van Niekerk decide di riammettere il malcapitato Makwala  (doppiamente iellato perché prima ha problemi in bagno  e secondo perché si imbatte in un burocrate esibizionista) alla gara dei 200m cui aveva dovuto  dare forfait. 

Siccome, però il  primo turno era già stato archiviato, la IAAF gli offre di qualificarsi alla semifinale correndo da solo pur di fare un tempo migliore di quello del primo escluso.   L’africano accetta la salomonica sfida ed il test va in porto perché Makwala   fa assai meglio del richiesto 20.20 anziché 20.40. Il tutto due ore prima dell’orario della semifinale.

Lo Stadio Olimpico di Stratford dispone di 10 corsie. Non è un problema usare una nona corsia per accomodare uno scomodissimo  ospite, peraltro non affaticato da turni precedenti e finale dei 400 metri.

Infatti in semifinale  sotto la pioggia battente il rappresentante del minuscolo stato dell’Africa Meridionale confinante con il Sud Africa,  realizza il secondo miglior tempo  (20.14) dietro lo statunitense Isiac Young, 20.12.

Ed il superfavorito, Wayde Van Niekerk? Si qualifica  per la finalissima di  questa sera alle 22.50 per il rotto della cuffia grazie al miglior tempo degli esclusi, 20.28. Palesemente affaticato.

Considerati stato di forma e crono della stagione, il favorito era proprio lui per un successo che avrebbe significato doppio oro (400 m e 200). Ma nel giro di poche ore le cose sono radicalmente cambiate.  Il sudafricano  vicino all’Italia appare seriamente provato da 5  turni impegnativi  (con finali e semifinali in 4 giorni). Ed in pista è riapparso il suo miglior amico e rivale, quasi corregionale.

Avessero dato ragione al burocrate zelante,  la  situazione  Van Niekerk sarebbe stata più rassicurante. La presenza  al via dell’avversario più agguerrito e più fresco, rende la faccenda assai più complicata.

Tuttavia, trattando la questione di chi sia il nuovo re della velocità mondiale dopo il il ritiro del  giamaicano Usain Bolt (ma può darsi che riappaia per la staffetta 4x100, dove la Giamaica è favorita), questa sorta di test  estemporaneo può rappresentare un nuovo buon  elemento di giudizio sulla reale grandezza di questo magnifico atleta sudafricano.  Quanto alla possibilità che Van Niekerk possa realizzare il nuovo record del mondo della specialità, dopo quello ottenuto sui 400 m ai Giochi di Rio, in questo momento appare assai improbabile.

Ma mai dire mai  quando ci sono di mezzo cavalli di razza!

In tutto questo che fine ha fatto l’Italia fino a non molto tempo fa una delle nazioni più fertili atleticamente?  Ha rinunziato a partecipare, forse? Dall’aldilà che cosa starà pensando Primo Nebiolo che fino al 2000 ha felicemente pilotato l’atletica italiana e Mondiale?

Sì. Non sembrerebbe, ma  gli azzurri sono presenti, anche se con scarsissimi risultati. Attualmente ci stiamo consolando  con gli ascendenti italici della mamma di Van Niekerk e sul fatto che si allena in pianta stabile da 4 anni in Friuli. Ed anche con la scoperta di un giovane velocista lombardo Filippo Tortu,  duecentista come i Berruti, Ottolina, Mennea, Tilli.  Grazie al forfait di Makwala, il  velocista lombardo ha raggiunto la semifinale dove è giunto sesto in 20.62. Non è poco né male per un ragazzo di 19 anni, figlio d’arte che a luglio ha anche conseguito la maturità scolastica.

Per il resto per sapere se l’Italia atletica  esiste, dobbiamo attendere gli ultimi giorni quando entreranno in scena i nostri saltatori in alto:  Gianmarco Tamberi  (redivivo dopo l’infortunio che gli ha impedito di gareggiare a Rio) e Alessia Trost.

Ultima modifica ilSabato, 12 Agosto 2017 20:00
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...