Menu
"Guerra e pace - dall’Isonzo ai giorni nostri"

"Guerra e pace - dall’Isonzo a…

Legnano, 23 novembre 2017...

Champions League  -  Juve e Roma rimandate!

Champions League - Juve e Roma ri…

Roma, 22 novembre 2017 - ...

III Edizione del Premio Sicurezza

III Edizione del Premio Sicurezza

Roma, 22 novembre 2017 - ...

Dopo 76 anni, incontro telematico fra Giuseppe Palagi e Luigi Solinas, gli ultimi due Leoni Carabinieri Reali Paracadutisti, reduci della battaglia di Eluet El Asel del 1941. VIDEO AMPIA GALLERIA FOTOGRAFICA

Dopo 76 anni, incontro telematico f…

Cronaca di un evento orma...

Champions League. Il Napoli resta in corsa

Champions League. Il Napoli resta i…

Con un grande secondo tem...

Champions League. Il Napoli resta in corsa

Champions League. Il Napoli resta i…

Con un grande secondo tem...

Champions League. Il Napoli resta in corsa

Champions League. Il Napoli resta i…

Con un grande secondo tem...

Con Amatrice nel cuore, il 5 dicembre  il  Maestro Zampieri accompagnerà la famosa virtuosa di Flauto di Pan, Andreea Chira

Con Amatrice nel cuore, il 5 dicemb…

Allo scopo di contribuire...

Riuscirà Fassino a ricompattare il Pd ?

Riuscirà Fassino a ricompattare il …

L’impresa affidata da Ren...

Serie A. 13ma giornata. Cambio della guardia

Serie A. 13ma giornata. Cambio dell…

La Juve perde in casa del...

Prev Next

Festival Montefiascone, M.A.F.

teatro montefiascone art festival 17Roma, 6 settembre  2017 - Da domani, giovedì 7  fino al 15 settembre, si terrà la prima edizione del Montefiascone Art Festival ( M.A.F. ) promosso dalla S.S.Lazio in affiancamento all’ 'Officina d’Arte OutOut' e patrocinato dal comune di Montefiascone, Assessorato allo Sviluppo del Territorio ed Eventi.
Restituire la libertà personale con l’arte è il racconto che farà rivivere reclusioni forzate, figlie di errori giudiziari  a partire da fine ‘800 sino ai nostri giorni.
Da  Oscar Wilde, ad Alda Merini, da Enzo Tortora a Sacco e Vanzetti, da Aldo Moro a Fabrizio de Andrè ed altri ancora, il cui unico comune denominatore è la detenzione costrittiva e la sofferenza.
Diverse saranno le forme espressive: teatro, cinema, danza, pittura. Il progetto dell’Officina d’Arte OutOut è quello di raccontare la prigionia attraverso la cultura. La reclusione diventa una “scusa” affinchè vari artisti raccontino storie, vicende e persone che con la loro esperienza hanno lasciato segni particolari per le generazioni future.
Ultima modifica ilMercoledì, 06 Settembre 2017 18:18
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...