Menu
Serie A,  9a giornata 2017 - Guadagno Roma, ripresa Juventus, conferma Lazio! CLASSIFICA

Serie A, 9a giornata 2017 - Guadag…

Roma, 22 ottobre 2017 - L...

Arrivano i mostri

Arrivano i mostri

Arrivano i mostri Or l...

La "Corsa dei Santi" festeggia il  decimo anniversario

La "Corsa dei Santi" fest…

Roma, 22 ottobre 2017 - S...

Una triste e mesta ricorrenza

Una triste e mesta ricorrenza

A scanso di equivoci o ...

Serie A. Anticipo 9a giornata.  Handanovic para il Napoli

Serie A. Anticipo 9a giornata. Han…

Il portierone dell’Inter ...

Racconti di sport. L’uomo dei canarini

Racconti di sport. L’uomo dei canar…

Romeo Benetti e la rifond...

Racconti di sport - “L’Ala destra”

Racconti di sport - “L’Ala destra”

Roma,  20 ottobre  2017 -...

Europa League 3° turno - Crisi Milan, Atalanta e Lazio OK!

Europa League 3° turno - Crisi Mila…

Roma, 19 ottobre 2017 - T...

L’Italia in Antartide per la XXXIII Campagna estiva del PNRA

L’Italia in Antartide per la XXXIII…

Roma, 19 ottobre 2017 - C...

Prev Next

Teatro Quirino – “Qualche volta scappano” con Rosita Celentano, Pino Quartullo e Attilio Fontana

teatro qualche volta scappanoLa fuga inspiegabile di Toutou
 “Qualche volta scappano” è l’amara riflessione di Daniel e Agnès Besse, divenuta con lo stesso titolo una godibilissima commedia, presente sul palcoscenico del Teatro Quirino con un trio di attori assai bene amalgamati, Rosita Celentano (al debutto), Pino Quartullo e Attilio Fontana. I Besse hanno fatto una scelta di campo e i loro soggetti graffianti, problematici, attualissimi,  sono espressioni di una divertente satira sociale che ha la leggerezza francese e una profondità di analisi resa ancor più pregnante della cogenza degli argomenti trattati. In questa commedia (nata con il titolo di “Toutou”), all’origine di tutto c’è Walt Disney e la sua scelta di umanizzare gli animali: topolini, cani, paperi, cavalli e legioni di loro amici, amano, si rannuvolano, fanno i dispetti,  giocano alla pari con umani più che permissivi, che li trattano da ninnoli, né reprimono la natura, a volte animati dal segreto desiderio di trovare in loro quei legami, quelle corrispondenze affettive che la vita offre con  molta avarizia, in un frainteso rapporto di convivenza mentre  nascono mestieri e professioni una volta improbabili, come gli psicologi per cani, i wedding planners per animali, i curatori d’immagine e così via.
È un’esigenza attualissima, una moda perniciosa che cerca  sostituti della felicità nelle cose più strane come la severa dieta Vegana che demonizza i mangiatori di carne, pesce, latticini, uova. L’uomo ridotto ad  erbivoro, presto sarà costretto per essere à la page a nutrirsi di cibi sintetici, da laboratorio. “Io non mangio chi ha un cuore” è uno slogan degli animalisti  che continua il vecchio  assioma che considera la nostra pompa toracica sede di tutti i sentimenti.
Sull’altro versante, i pet (animali domestici) fanno parte delle terapie mediche per curare molti malanni, e primo fra tutti, la solitudine. Ma gli uomini a volte scelgono debitamente di ignorare chi offre loro laute libagioni di amore. E spesso, l’animale/oggetto esce fuori dalla famiglia che lo ospita assieme alle valigie estive per la consueta vacanza al mare, dalla quale non farà ritorno.
Ma andiamo per gradi.  
Qui si parla di un cane, Toutou, un barboncino color miele, che sparge pennellate d’amore e di allegria su Alessandro e Marzia, una coppia che da oltre vent’anni conduce con successo la propria vita sociale e professionali.
Una sera, Alessandro esce insieme all’amico peloso per il consueto giretto igienico, ma al ritorno è solo. Una tragedia: il cane è fuggito, non si è perso, come rimprovera Marzia al marito, né è stato abbandonato, come spesso accade. Anzi, l’assenza di Toutou si configura come una sorta di ribellione, in un rovesciamento di situazioni dove è il cane ad abbandonare gli umani.  Forse perché è stanco di coprire le difficoltà di questa coppia che ha spalmato su di lui certi vuoti di sincerità e di comunicazione.
La sua scomparsa offre l’occasione a Marzia e Alessandro di  una notte di attesa convulsa,  di chiedersi il perché della fuga, come anche di  creare un gioco di specchi, come sottolinea Pino Quartullo, “all’interno del quale ognuno desidera un po’ essere quel cane fuggito”, che forse era stretto in una morsa d’amore, costretto per il suo bene a privarsi di molti piaceri, a nutrirsi di croccantini, a cercare sfoghi sessuali in un rapporto sterile con il pantalone dell’amico di famiglia, Paolo, l’architetto, il cui arrivo nella notte, con il ruolo di deus ex machina, d’improvviso attiva  un antico segreto di coppia, gelosie e accomodamenti incrostati nei venti anni di matrimonio che vanno sgretolandosi.
Con divertimento, umorismo e leggerezza in questa commedia  ironica e pungente, che sa far ridere, ma anche riflettere, indagando  nostre insoddisfazioni che spiegano un desiderio di fuga, viene mantenuta la promessa di passare due ore a fine serata, deliziandosi con situazioni che offrono anche numerosi spunti per riflettere sul nostro vissuto.
Particolarmente piacevole la scena, una parete colorata, curata da Francesco Ghisu, nella quale si leggono gigantografie dei personaggi. Gli attori sono vestiti egregiamente da Giovanni Ciacci.  Lo spettacolo, condotto con molto brio dalla regia vivace di Quartullo, ospita anche tre canzoni di successo cantate dal vivo: “Come te non c’è nessuno”, “Perdere l’amore” e “Non succederà più”.
A fine spettacolo, Rosita Celentano, che da anni ha sposato la causa animalista, chiede al pubblico di prende in considerazione più da vicino la relazione fra uomo-animale. Una relazione innata e  documentata da millenni, che sa rendere l’uomo migliore e ne allunga la vita. Che vuole stabile il diritto degli animali  ad essere considerati esseri pensanti, ricchi di emozioni che migliorano la vita dei loro amici umani.



Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...