Menu
Giochi di magia matematica al Centrale Preneste di Roma

Giochi di magia matematica al Centr…

Un pomeriggio tutto parti...

La luce del Sole è l’ombra di Dio

La luce del Sole è l’ombra di Dio

È con piacere, anche se...

Serie A. Anticipo 8a giornata. Ombre azzurre

Serie A. Anticipo 8a giornata. Ombr…

Il Napoli e la Lazio si a...

Il top del calcio mondiale nel nuovo album della Panini

Il top del calcio mondiale nel nuov…

“Panini FIFA 365” è la nu...

News - Battisti - Prende corpo la nostra ipotesi.. Estradizione congelata

News - Battisti - Prende corpo la n…

Brasilia, 14 ottobre 2017...

Racconti di sport. Meroni

Racconti di sport. Meroni

Il 15 ottobre di 50 anni ...

Al Teatro Centrale Preneste la nuova stagione della Rassegna Infanzie in gioco

Al Teatro Centrale Preneste la nuov…

Roma, 13 ottobre 2017 - L...

Prev Next

Con uno studio italiano, si approfondisce una nuova terapia contro il melanoma

cellule tumorali 17Roma, 3 ottobre 2017 - È stato pubblicato da Jama Oncology, lo studio tutto italiano condotto dal Professore Vincenzo De Giorgi del Dipartimento di Scienze Dermatologiche Università degli Studi di Firenze, che ha portato alla scoperta che il propranololo, farmaco molto economico e sicuro che si usa normalmente per l'ipertensione,  blocca la crescita del melanoma senza effetti collaterali.

Ne parla il Professore Vincenzo De Giorgi  primo autore dello studio. "In pratica ci siamo accorti che avevamo pazienti 'long survivors' con melanomi molto aggressivi  e abbiamo notato che tutti avevano ipertensione e altre patologie per cui sono indicati i farmaci beta bloccanti. Per avere una conferma abbiamo iniziato ad usare questo farmaco su diversi pazienti una volta scoperto il tumore, e abbiamo visto che la progressione del melanoma si riduce dell'80% senza effetti collaterali".
Lo studio, è stato condotto per tre anni su 53 pazienti, di cui 19 trattati con il propranololo, uno dei principali beta bloccanti. Il 41% dei pazienti non trattati aveva avuto una progressione della malattia, contro il 16% degli altri.

Prosegue il Professore "Ora inizieremo un esperimento in doppio cieco (dove i pazienti vengono divisi in due gruppi di cui uno  prende il farmaco mentre l'altro prende una pastiglia senza il principio attivo. Né il paziente né il medico sono a conoscenza di chi assume il farmaco e chi l'effetto placebo. Ciò per escludere che le convinzioni del medico possano influenzare il paziente e le sue reazioni immunitarie autonome - ndr.) per avere un dato più forte ma questo studio è molto promettente al punto che altri gruppi stanno studiando il possibile effetto dei beta bloccanti su diversi tumori'' per poi concludere "Sul meccanismo di questi farmaci ci sono due ipotesi: ''una è legata allo stress a cui sono sottoposti i pazienti, che provoca il rilascio di adrenalina che favorisce la comparsa dei tumori, e i cui recettori sono bloccati dal propanololo. Inoltre questa classe di farmaci va ad impedire la vascolarizzazione del tumore, una condizione necessaria per la crescita. Il risultato è che il tumore diventa una malattia cronica, per cui si e' necessario utilizzare il betabloccante per un lungo periodo ma senza gli effetti negativi dei farmaci biologici".

Ultima modifica ilMartedì, 03 Ottobre 2017 08:08
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...