Menu
Serie A,  9a giornata 2017 - Guadagno Roma, ripresa Juventus, conferma Lazio! CLASSIFICA

Serie A, 9a giornata 2017 - Guadag…

Roma, 22 ottobre 2017 - L...

Arrivano i mostri

Arrivano i mostri

Arrivano i mostri Or l...

La "Corsa dei Santi" festeggia il  decimo anniversario

La "Corsa dei Santi" fest…

Roma, 22 ottobre 2017 - S...

Una triste e mesta ricorrenza

Una triste e mesta ricorrenza

A scanso di equivoci o ...

Serie A. Anticipo 9a giornata.  Handanovic para il Napoli

Serie A. Anticipo 9a giornata. Han…

Il portierone dell’Inter ...

Racconti di sport. L’uomo dei canarini

Racconti di sport. L’uomo dei canar…

Romeo Benetti e la rifond...

Racconti di sport - “L’Ala destra”

Racconti di sport - “L’Ala destra”

Roma,  20 ottobre  2017 -...

Europa League 3° turno - Crisi Milan, Atalanta e Lazio OK!

Europa League 3° turno - Crisi Mila…

Roma, 19 ottobre 2017 - T...

L’Italia in Antartide per la XXXIII Campagna estiva del PNRA

L’Italia in Antartide per la XXXIII…

Roma, 19 ottobre 2017 - C...

Prev Next

Il rischio di diabete aumenta consumando molta carne alla griglia o alla piastra

grigliataRoma, 5 luglio 2017 - Secondo uno studio pubblicato sulla rivista "Diabetes Care" e condotto dalla Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston, che ha preso in esame un gruppo di oltre 59mila donne,

è emerso che in quelle che consumavano 2 o più volte a settimana carne cotta sulla piastra o sul barbecue, il rischio di sviluppare il diabete tipo 2 era il 20-30% più alto rispetto a quelle che la consumavano solo 1 volta al mese ed ancora di più diabete rispetto a quelle che mangiavano carne cotta diversamente.

Roberto Miccoli, del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell'Università di Pisa, ha spiegato che "Quando si cuoce a temperature molto elevate, come succede con la cottura alla griglia, da alcune sostanze che compongono la carne, quali proteine, carboidrati e creatina, si formano i cosiddetti HCA, cioè amine eterocicliche. In particolare le ritroviamo nelle parti bruciacchiate, nerastre presenti sulla superficie della carne cotta" chiarendo che  "Oltre a queste vanno considerate quelle che si sviluppano quando il grasso di cottura raggiunge la brace ardente e si infiamma, sostanze chiamate PAH (idrocarburi aromatici policiclici). I fumi che contengono questi PAH penetrano nella carne. I PAH si ritrovano anche nel fumo di sigaretta e nelle carni affumicate. Tutti questi prodotti sono risultati associati anche con il cancro, l'obesità, l'infiammazione e la resistenza all'insulina" concludendo che  "Se si consuma occasionalmente una bistecca cotta alla griglia il rischio di diabete è basso, ma se questo metodo di cottura è usato di frequente allora è consigliabile non solo ridurre il consumo di carne rossa ma usare anche metodi di cottura a basse temperature".

Quindi, non abolire la "grigliata" ma seguire i suggerimenti  senza esagerare.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...