Menu
News - Messico, oltre 150 le vittime del terremoto. Crollo di un collegio. Morti 20 bambini.  38 dispersi

News - Messico, oltre 150 le vittim…

(foto Ansa/Epa) Roma, 20...

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Inter

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Int…

Nell’anticipo del turno i...

Rischioso fare i conti senza l’oste

Rischioso fare i conti senza l’oste

Roma, 19 settembre 2017 -...

Cosa succede nella Capitale? Tedesca legata e violentata  nel parco di Villa Borghese. Terzo caso in tre giorni

Cosa succede nella Capitale? Tedesc…

Roma, 18 settembre 2017...

Serie A,  4a giornata 2017 - Prime fughe in serie A

Serie A, 4a giornata 2017 - Prime …

Roma, 17 settembre 2017...

Tenta di incendiare il portone del Comune. Indagini sulle motivazioni. Fermato

Tenta di incendiare il portone del …

Cesinali (AV) 17 settembr...

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Roma, 17 settembre 2017  ...

Serie A - Anticipo 4a giornata

Serie A - Anticipo 4a giornata

(foto Lapresse) Roma, 16...

La stagione della IUC

La stagione della IUC

Una tavolozza di tinte ac...

Gli ungheresi di Roma e Lazio

Gli ungheresi di Roma e Lazio

Una bella mostra dell’Acc...

Prev Next

Emozioni e stress sono influenzati dal ritmo del respiro

respiro MeditazioneRoma, 2 aprile 2017 - Era noto dagli albori che lo stato d'animo è connesso al respiro ma era una spiegazione più empirica che tecnica.
 
A darne una spiegazione scientifica, sono stati  i ricercatori della Stanford University School of Medicine guidati da Mark Krasnow, i quali hanno pubblicato sulla rivista "Science" i risultati del loro studio. Sono infatti riusciti a identificare un gruppo di neuroni che collegano la respirazione agli stati d'animo e sono responsabili della calma, spiegando così  anche perché la pratica del controllo del respiro mediante la meditazione, riduce lo stress.
Gli scienziati hanno scoperto che questi neuroni si trovano in profondità nel tronco cerebrale, in una zona scoperta nel 1991 chiamata complesso di pre-Bötzinger e collegano la respirazione al rilassamento, all'attenzione, all'eccitazione e all'ansia in relazione ai molti tipi di respiro che vengono associati alle diverse emozioni: regolare, rilassato, eccitato, ansimante, singhiozzante, sospirante.

I ricercatori sono riusciti a identificare più di 60 sottotipi neuronali presenti nella parte del tronco cerebrale in cui risiede il centro di controllo della respirazione,concentrandosi principalmente su una sottopopolazione di neuroni che esprimono due marcatori genetici chiamati Cdh9 e DBX1.
 
Per meglio capirne e studiarne gli effetti, li hanno eliminati sui topi notando,  con sorpresa, che  gli animali ancora respiravano normalmente ma in modo più lento. Osservandone i comportamenti, è emerso che erano straordinariamente calmi, anche in situazioni particolarmente stimolanti e trascorrevano meno tempo ad esplorare l'ambiente circostante rimanendo  più tempo fermi. 
Ultima modifica ilDomenica, 02 Aprile 2017 05:27
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...