Menu
News - Messico, oltre 150 le vittime del terremoto. Crollo di un collegio. Morti 20 bambini.  38 dispersi

News - Messico, oltre 150 le vittim…

(foto Ansa/Epa) Roma, 20...

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Inter

Serie a - La VAR aiuta ancora l’Int…

Nell’anticipo del turno i...

Rischioso fare i conti senza l’oste

Rischioso fare i conti senza l’oste

Roma, 19 settembre 2017 -...

Cosa succede nella Capitale? Tedesca legata e violentata  nel parco di Villa Borghese. Terzo caso in tre giorni

Cosa succede nella Capitale? Tedesc…

Roma, 18 settembre 2017...

Serie A,  4a giornata 2017 - Prime fughe in serie A

Serie A, 4a giornata 2017 - Prime …

Roma, 17 settembre 2017...

Tenta di incendiare il portone del Comune. Indagini sulle motivazioni. Fermato

Tenta di incendiare il portone del …

Cesinali (AV) 17 settembr...

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Racconti di sport. Voltati Eugenio

Roma, 17 settembre 2017  ...

Serie A - Anticipo 4a giornata

Serie A - Anticipo 4a giornata

(foto Lapresse) Roma, 16...

La stagione della IUC

La stagione della IUC

Una tavolozza di tinte ac...

Gli ungheresi di Roma e Lazio

Gli ungheresi di Roma e Lazio

Una bella mostra dell’Acc...

Prev Next

Asma negli adulti: per un terzo, diagnosi errate

asma sprayRoma, 19 gennaio 2017 - La rivista 'Jama' pubblica uno studio canadese secondo il quale un terzo degli adulti con diagnosi d'asma, in realtà o è guarito o c'è un errore nella diagnosi. Il paziente viene così ad essere esposto inutilmente agli effetti collaterali dei farmaci.

I ricercatori canadesi hanno esaminato 613 casi di adulti a cui, nei cinque anni precedenti, era stata diagnostica l'asma. I pazienti sono stati sottoposti a tre esami e, per 203 di loro (quindi un terzo), la malattia è stata esclusa. Rivalutati dopo un anno, 181 "malati", avevano ancora una funzionalità dei polmoni ottimale, tale da poter escludere la malattia. Dallo studio è emerso che tra le patologie trovate e scambiate per asma, avevano riscontrato broncopneumopatia ostruttiva, alcune allergie e, nel 2% dei casi, un problema molto grave come l'ipertensione polmonare.

Gli autori hanno scritto: "Siamo riusciti a non far prendere i farmaci a questi pazienti per un anno, senza che tornasse la malattia. Per alcuni c'era stato chiaramente un errore nella diagnosi, mentre altri avevano effettivamente l'asma ma era in remissione" concludendo che "Lo studio conferma che è necessario confermare la presenza dell'asma con un test della funzionalità dei polmoni, per evitare di trattare la malattia sbagliata o di esporre i pazienti a terapie non necessarie".

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...