Menu
Inaccettabile ingerenza negli affari interni del nostro Paese

Inaccettabile ingerenza negli affar…

Roma, 20 gennaio 2018 - L...

Flash - Pubblica Amministrazione. Due arresti per corruzione

Flash - Pubblica Amministrazione. D…

Avellino, 20 gennaio 2018...

Claretta Petacci. In Italia, sono donne solo quelle di sinistra. Le altre, possono essere considerate "maialA"

Claretta Petacci. In Italia, sono d…

Al grave insulto alla sua...

Lezioni private trasformate in abusi sulla minorenne. Insegnante arrestato

Lezioni private trasformate in abus…

Roma, 16 gennaio 2018 - È...

Teatro Quirino – “Dieci Piccoli indiani” di Agatha Christie con la regia di spagnolo Ricard Reguant

Teatro Quirino – “Dieci Piccoli ind…

L’isola della morte  Rom...

Racconti di sport - Il palo del Menti

Racconti di sport - Il palo del Men…

Memorie sportive attorno ...

E Nainggolan, ne vogliamo parlare….

E Nainggolan, ne vogliamo parlare….

Roma, 13 gennaio 2018 -...

Camorrista latitante, oppone resistenza all'arresto e punta pistola al Carabiniere. Altro militare gli salva la vita colpendolo e immobilizzandolo. VIDEO

Camorrista latitante, oppone resist…

Arrestati due fiancheggia...

Una sentenza predestinata ad arrivare “fuori tempo massimo”

Una sentenza predestinata ad arriva…

Roma, 12 gennaio 2018 - D...

L'ex sindaco Marino condannato in appello per gli scontrini

L'ex sindaco Marino condannato in a…

Roma, 12 gennaio 2018 - E...

Prev Next

Enogastronomia. In Casentino il 2016 porterà un nuovo (vecchio) vino

camaldoli Monastero benedettiniGrazie alle pratiche enologiche dei monaci del monastero di Camaldoli, in Casentino è rinato un vino dei Benedettini di tanti secoli fa e verrà presentato proprio nei primi giorni del nuovo anno.

Roma, 31 dicembre - Nei primi giorni del nuovo anno verranno stappate delle bottiglie molto particolari.

Dove? In Casentino, provincia di Arezzo. Una delle valli più belle dell’Appennino, che si estende tra Arezzo (appunto) e Firenze. Il vino in oggetto è quello che bevevano i monaci benedettini del Monastero di Camaldoli nel XIII secolo.

A ricostruirne l'identità è stata l'Unità di ricerca per la Viticoltura del Crea, che ha condotto un'indagine bibliografica e di campagna per riprodurre il vino con le varietà di vite e le tecnologie impiegate storicamente mille anni fa.

Le prime anticipazioni evidenziano un prodotto complesso, dal colore rosso intenso e dalle caratteristiche aromatiche molto particolari. In sostanza i ricercatori hanno ricreato un prodotto gustoso e antico e hanno spiegato che nella prima fase del loro lavoro hanno dovuto individuare e recuperare ben 21 varietà autoctone, ancora presenti in piccoli vigneti 'relitto' della valle del Casentino.

Nella primavera 2016, annuncia il Crea, il vino verrà poi presentato ufficialmente, in uno dei momenti più significativi nei quali sarà celebrata l'antica tradizione produttiva di un territorio dove la pratica agricola è da sempre parte integrante delle attività del Monastero di Camaldoli. Uno dei più affascinanti e importanti della zona, immerso com’è in quelle foreste secolari che sono il polmone verde dell’Italia centrale.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...