Menu
Teatro Quirino – “Dieci Piccoli indiani” di Agatha Christie con la regia di spagnolo Ricard Reguant

Teatro Quirino – “Dieci Piccoli ind…

L’isola della morte  Rom...

Racconti di sport - Il palo del Menti

Racconti di sport - Il palo del Men…

Memorie sportive attorno ...

E Nainggolan, ne vogliamo parlare….

E Nainggolan, ne vogliamo parlare….

Roma, 13 gennaio 2018 -...

Camorrista latitante, oppone resistenza all'arresto e punta pistola al Carabiniere. Altro militare gli salva la vita colpendolo e immobilizzandolo. VIDEO

Camorrista latitante, oppone resist…

Arrestati due fiancheggia...

Una sentenza predestinata ad arrivare “fuori tempo massimo”

Una sentenza predestinata ad arriva…

Roma, 12 gennaio 2018 - D...

L'ex sindaco Marino condannato in appello per gli scontrini

L'ex sindaco Marino condannato in a…

Roma, 12 gennaio 2018 - E...

Dal Nord, l'approvvigionamento di droga per Roma. Sequestrati 3,7 kg cocaina. Arrestata una coppia- VIDEO

Dal Nord, l'approvvigionamento di d…

Fiano Romano (Rm), 11 gen...

Accademia di Santa Cecilia – “Fantasia” di Walt Disney con la grande orchestra ceciliana condotta  da Carlo Rizzari

Accademia di Santa Cecilia – “Fanta…

Topolino ineffabile streg...

Racconti di Sport: “Quaterna, cinquina e.....”

Racconti di Sport: “Quaterna, cinqu…

Roma, 9 gennaio 2018 - Il...

Teatro Quirino – ‘Filumena Marturano’ con Mariangela D’Abbraccio e Geppy Gleijeses.

Teatro Quirino – ‘Filumena Marturan…

La pantera e il monello i...

Prev Next

Rischioso promettere tutto a tutti

di maio salvini berlusc renziRoma, 5 gennaio 2018 - Ufficialmente la campagna elettorale è iniziata solo alcuni giorni fa, ma i nostri politici più “navigati” come pure i leader di partito, sono già impegnati da tempo dentro e fuori delle rispettive sedi istituzionali.

L’aspetto alquanto inquietante è che dalla sinistra alla destra, passando per il centro, quasi tutti propongono le stesse ricette, ma nessuno indica chiaramente come garantirne la copertura finanziaria.

I temi ricorrenti, sostanzialmente condivisibili, sono il lavoro, la riduzione delle tasse, la sicurezza, la sanità e la disoccupazione con particolare riguardo quella giovanile di gran lunga superiore a quella della media europea.

A questo proposito va sottolineato l’aumento costante del debito pubblico ed uno dei pochi rimedi è la riduzione severa e rigorosa della spesa corrente.

Vergognoso il naufragio  di quel miserevole tentativo di “tagliuzzare” le pensioni d’oro ed ancora più grave la scandalosa elargizione del famigerato vitalizio nelle sue varie sfaccettature, con a capo la reversibilità, oltre all’importo esuberante rispetto agli oneri contributivi versati.

E’ assai verosimile che “lor signori” pensino  ancora che il corpo elettorale dei comuni mortali dell’anno  di grazia 2018 sia simile  a quello degli anni 50, quando l’analfabetismo regnava sovrano e la disponibilità di strumenti di comunicazione e di informazione era un privilegio esclusivo della classe più abbiente e ricca del Paese.

In sintesi, il leader pentastellato, Di Maio, punta. tra l’altro, sul reddito di cittadinanza, il redivivo Berlusconi al “flat-tax” (tassazione  unica per famiglie ed imprese), Renzi vuole aumentare i posti di lavoro, Salvini insiste sull’abolizione della legge Fornero, oltre all’abolizione dell’IMU sui fabbricati in cui lavorano artigiani e piccole e medie imprese).

Si tratta di proposte interessanti e condivisibili, ma difficilmente verranno tutte approvate perché le risorse non ci sono.

Al riguardo uno degli aspetti negativi è la crescita costante del debito pubblico e non è certo casuale l’aumento di gas, energia elettrica, pedaggi autostradale ed altro, per cui le perplessità del cosiddetto “uomo della strada” si ingigantiscono e si finisce ineluttabilmente per disertare le urne o puntare tutto sul voto di protesta e non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Tutto ciò premesso è bene accantonare ogni forma di prosopopea surreale perché oggi non esiste più il “popolo bue” e la stragrande maggioranza degli Italiani è pienamente capace e consapevole di distinguere le proposte serie dalle bufale elettorali

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...